Se sei un'azienda o un'agenzia chiamaci:

milano-fashion-week-2020

Milano Fashion Week primavera estate 2020

La settimana della moda primavera estate 2020 ha inizio oggi 17 settembre e durerà fino al 2.
Ci aspetta un denso programma di sfilate tra i grandi nomi del Made in Italy, mostre ed eventi speciali nelle più svariate boutique. Quest’anno, più che mai, c’è una numerosa presenza di giovani stilisti e marchi nuovi e promettenti.
L’aspetto più rilevante di questa edizione, però, è l’aspetto green della manifestazione. La Milano Fashion Week, infatti, è sempre più aperta al pubblico e sempre più orientata verso una mobilità eco-friendly. Principali obiettivi raggiunti sono stati l’uso intelligente e anti-spreco delle location.

La Milano Fashion Week da non perdere

Milano Moda Donna si inaugura ufficialmente martedì 17 settembre con la sfilata/evento di United Colors of Benetton. Entra nel vivo, però, mercoledì 18 con A new awarness, l’appuntamento dedicato alla sostenibilità diffusa, dalla moda all’arte. Il punto di riferimento della manifestazione meneghina, sarà il Fashion Hub presso lo Spazio Cavallerizze. Ovvero un ambiente plastic free realizzato con arredi riciclati e luci a basso consumo.

Da non perdere poi i Green Carpet Fashion Awards Italia 2019 che celebrano l’impegno del mondo della moda nei confronti dell’ambiente.  Come ha dichiarato il presidente della Camera della Moda Carlo Capasa, in questa edizione sono previste molte sorprese e occasioni speciali. Tra queste, il lancio del pop-up store di Vestiaire Collective, presso la boutique Tearose. Realizzato per promuovere la circolarità nella moda, contrastando il consumo compulsivo nell’industria della moda con la proposta di articoli già prodotti.

milano-fashion-week-2020-versace

Eventi in boutique e aperti in città

Ogni giorno da mercoledì 18 a sabato 21 settembre con due sessioni dalle 10.30 alle 11.00 e dalle 11.00 alle 11.30 presso lo store di & Other Stories di Corso Vittorio Emanuele II si terranno le attività e i workshop sul tema del riciclo in collaborazione con l’Istituto Marangoni di Milano.

Venerdì 20 settembre invece nello store multi-brand Clan Upstair in via Pontaccio viene inaugurata la mostra e la presentazione della collezione “Resilience SS20” di ARA LUMIERE, brand della NGO HOTHUR FOUNDATION di Kulsum Shadab Wahab nato a sostegno di donne indiane vittime di aggressioni con acido.

Sabato 21 settembre, dalle 15 alle 18, ci sarà l’installazione di LABO.ART nella zona pedonale di piazza XXV Aprile in cui il pubblico potrà sfilare liberamente sul red carpet mentre 72 artisti, modelle e performers indosseranno i capi della nuova collezione primavera estate 2020. 

Come sempre durante la Milano Fashion Week la città propone una serie di importanti appuntamenti culturali. Molte infatti le mostre da non perdere come “Abiti da star Rosanna Schiaffino e la Moda a Palazzo Morando” (fino al 29 settembre), “Louis Vuitton Time Capsule Exhibition Milan” a Palazzo Reale (dal 20 settembre al 20 ottobre 2019), “Milano e moda omaggio a Gian Paolo Barbieri” a Palazzo Pirelli (dal 18 al 30 settembre 2019), “Wes Anderson Juman Malouf il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” in scena alla Fondazione Prada (dal 20 settembre 2019 al 13 gennaio 2020) e “1969/2019 Callas mai vista” al Savini Milano in via Ugo Foscolo 5 (dall’11 al 30 settembre). Domenica 22 settembre a Palazzo Mezzanotte in Piazza Affari è il turno della mostra “Suzhou Heritage” dedicata alla millenaria tradizione delle sete di Suzhou (ingresso gratuito dalle 10.00 alle 17.30)

Milano Fashion Week digitale

milano-fashion-week-online

Se non avete un indispensabile invito ai catwalk più esclusivi della stagione non fatevi prendere dal panico! La Fashion Week potrà essere seguita live e in streaming sul sito della Camera Nazionale della Moda Italiana. Oppure anche attraverso Facebook, Twitter e Instagram e sull’app “Camera Moda” oltre al maxi-schermo in Corso Vittorio Emanuele angolo piazza San Babila.

...
fuorisalone-2019

Fuorisalone 2019: gli eventi della Milano Design Week

Manca sempre meno alla manifestazione più importante per il mondo dell’arredo e del design. Per cinque giorni le strade della città di Milano verranno animate da magnifiche installazioni e numerosissimi eventi e party in location esclusive come affascinanti cortili nascosti o incredibili terrazze.

Cos’è il Fuorisalone?

Il Fuorisalone è l’insieme degli eventi distribuiti in diverse zone di Milano che avvengono in corrispondenza del Salone Internazionale del Mobile, in scena nei padiglioni di Rho Fiera. Ogni anno, nel mese di Aprile, Fuorisalone e Salone del Mobile definiscono la Milano Design Week, il più importante e prestigioso evento legato al mondo del design su scala internazionale. Sono previsti 400.000 visitatori, addetti ai lavori provenienti da 160 paesi, 1.200 eventi registrati in città, 1.000 aziende presenti in fiera.

Ecco quindi che per festeggiare al meglio il design, le zone protagoniste della città in questi giorni, saranno: il centro, zona Tortona, Isola Design District, Brera Design District, Ventura/Lambrate, la Fabbrica del Vapore e Porta Romana. Vediamo insieme i principali eventi di rilievo nelle principali zone.

Fuorisalone-2019-tortona

Fuorisalone Zona Tortona

Uno dei motori propulsori di questa zona è il Superstudio, da anni qui trovano posto molti espositori con un focus sulla tecnologia e sull’innovazione. Di solito si trovano installazioni di grande impatto, come quella firmata dallo studio Rhizomatiks per Lexus.
A proposito di grandi architetti ci sarà anche Aldo Cibic, che racconterà i suoi progetti che si svilupperà all’interno del Savona 18 Suites, il boutique hotel che ha progettato lui stesso.

Negli anni molti luoghi hanno trovato nuova vita grazie alla vitalità portata tra queste vie durante la settimana del Salone del Mobile, tra questi sicuramente l’ex Ansaldo, sede di BASE Milano che quest’anno ha stretto una collaborazione con Ventura Future che porterà un grande spazio dedicato alle visioni sul mondo che sarà.
E sugli scenari futuri ragiona anche Tortona Rocks, con oltre 20 progetti espositivi internazionali, 60 designer e 50 aziende che immaginano un design in grado di generare consapevolezza.

In tema di innovazione Sony torna allo spazio Zegna per presentare la sua visione sul futuro delle relazione tra uomo e robotica.

Fuorisalone Isola Design District

Isola sceglie il tema Unlimited Design. Il quartiere si propone di andare oltre l’idea di prodotto e la sua funzione, per indagare le nuove forme di comunicazione digitale e le sperimentazioni con i materiali naturali e innovativi.
Cuore della manifestazione la Stecca 3.0 con il Design Village: lo spazio ospiterà i lavori di designer emergenti con materiali di scarto, aziende come 3M con la nuova collezione di finiture per vetri, un bar interamente stampato in 3D e un programma di talk organizzati dalla piattaforma online The District, che andranno a toccare un tema diverso ogni giorno. Nello spazio esterno saranno presentate le loro installazioni verdi ispirate alle macchine di Leonardo nell’anno del 500° anniversario dalla sua scomparsa.

In via Pastrengo 14 torna l’appuntamento con Milan Design Market, la mostra-mercato che per la sua quarta edizione presenta il tema Find the lost City.

fuorisalone-2019-milano

Fuorisalone Brera Design District

“Design Your Life”: quest’anno in Brera i riflettori saranno puntati sulla sostenibilità che verrà affrontata da vari punti di vista.

E sono già 150 gli eventi confermati per ora nel circuito del quartiere. Si va dal “supereroe della sostenibilità” in piazza XXV Aprile progettato per Timberland all’apertura dei nuovi showroom. Tra i tanti appuntamenti, da non perdere Casa Corriere che torna per il secondo anno in sala Buzzati  con gli incontri organizzati da Corriere della Sera, Living e Abitare.

Fuorisalone Ventura Projects

Si sposta quest’anno negli spazi di Base in via Tortona. 
All’interno, ci sarà l’installazione sul tema Un-learn/Re-learn, i workshop di officina Base, il “Design Confession” nella portineria e la programmazione musicale serale. Il biglietto sarà quindi necessario anche per vedere le esposizioni di Ventura Futures. Per la sua seconda edizione, quella che si definisce “la sorella più innovativa di Ventura Centrale” porterà nei 3700 mq a disposizione il lavoro di designer emergenti e studenti che affronteranno temi come la tecnologia, il food design e l’artigianato digitale. Ci saranno progetti a metà tra il craft e il tech come il caricatore wireless in marmo o il progetto Cocina de la Terra della giovane messicana Isabella Sanchez Jacques che inviterà il pubblico a mangiare alcuni piatti tipici del suo paese mentre si ascoltano storie e aneddoti raccontate da lavoratori migranti ma anche l’esperienza olfattiva di SOM Tales of perfume che presenterà un percorso tra 100 pezzi di legno intrisi di fragranze naturali.

...

LifeGate Energy: Hostess.it ha scelto energia 100% rinnovabile

Secondo le stime di LifeGate, per ogni kWh proveniente da centrali idroelettriche, le emissioni di anidride carbonica sono pari a 23.24 grCO2eq. Per rendere il ciclo dell’energia rinnovabile totalmente pulito, LifeGate Energy si avvale del progetto Impatto Zero®: l’anidride carbonica generata dalla filiera produttiva e distributiva della fornitura è stata compensata mediante crediti di carbonio provenienti da progetti di efficienza energetica e da interventi di creazione e tutela di foreste in crescita in Italia e nel mondo.

lifegate-lagoNoi di Hostess.it aggiungiamo il nostro nome a quello delle numerose aziende che hanno sposato la battaglia per le fonti rinnovabili promossa da LifeGate Energy.  La rete aziendale è così alimentata esclusivamente da energia elettrica sostenibile: 100% da fonti rinnovabili (sole, vento e acqua), 100% italiane e certificate, con emissioni di CO2 residue compensate con il progetto Impatto Zero®.
I nostri consumi elettrici, di conseguenza, non sono più un peso sull’ambiente.

Con LifeGate, abbiamo un ruolo attivo come agente di cambiamento nella sfida ambientale più importante della nostra epoca: la transizione energetica dai combustibili fossili verso le rinnovabili. Nel 2016, l’81% di tutta l’energia prodotta nel mondo proveniva da combustibili fossili, i principali responsabili dei cambiamenti climatici. Nei prossimi 25 anni, il fabbisogno energetico mondiale crescerà del 30% circa: per contenere le emissioni di gas serra, è indispensabile che la quota energetica proveniente da fonti rinnovabili aumenti sempre di più. Ma il processo di decarbonizzazione può avvenire solo se tutti, privati, aziende e istituzioni, fanno la propria parte.

lifegate-montagnaLa nostra adesione è un gesto semplice, ma in grado di produrre cambiamenti immediati, che diventeranno più significativi via via che altri si uniranno a questa battaglia, dando concretezza a una sensibilità ambientale ormai diffusa e in crescita. I dati del 3° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, realizzato da LifeGate in collaborazione con Eumetra Monterosa, dimostrano infatti che il 59% degli italiani è interessato ai temi “green”. Non solo. In cima alla lista delle priorità ci sono proprio gli investimenti nelle fonti di energia pulita: il 93% degli italiani pensa che investire nel sole e nel vento sia utile per porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili, e per rilanciare l’economia nazionale.
La nostra scelta vuole quindi fare suggerire alle persone attente all’ambiente e alla ricerca di gesti sostenibili un’azione virtuosa di grande efficacia: scegliere energia pulita per la propria casa, infatti, vuole dire risparmiare 1.380 kg di CO2 in un anno, e quindi è di gran lunga l’azione ambientale più importante ed efficace.

Ecoconsigli di LifeGate
  • Attenzione alle pile
    Ci sono alcuni apparecchi, in ufficio, che non possono fare a meno delle pile. Le batterie usa e getta non sono riciclabili in alcun modo. In molti casi finiscono nella spazzatura normale, contaminandola. Meglio utilizzare le batterie ricaricabili, che durano da 500 a 1000 volte di più.
  • Scegli la luce giusta
    Sono molti quelli che amano personalizzare la propria scrivania e illuminarla con una luce diretta. Scegli le lampadine a LED, tecnologia che ha anche vinto il premio Nobel. Così sì risparmierà fino al 90% dell’elettricità. Per questo sarebbero ideali anche per l’illuminazione di tutto l’ufficio.
  • Differenzia
    Secondo il rapporto Fise Unire “L’Italia del riciclo 2014”, in Italia si ricicla il 68% degli imballaggi di plastica, vetro, metallo, carta e cartone. Si può ancora migliorare: basta predisporre, in tutti gli uffici dell’azienda, bidoncini diversi per la raccolta di tutte le frazioni, anche dell’umido.
  • Stampa quando serve
    In ufficio si stampano spesso molti documenti, anche quando se ne potrebbe fare a meno: circa 100 kg di carta a testa! Accertati di stampare solo se è strettamente necessario, meglio se su carta riciclata o ecologica e sempre fronte-retro e in bianco e nero. Consumerai meno energia ed eviterai di generare rifiuti cartacei.
  • Eco appunti
    Per i tuoi appunti e scarabocchi preferisci i fogli stampati solo su un lato che non ti servono più e pinzali insieme: avrai un blocchetto ecologico ed economico. Oppure scegli prodotti di cartoleria certificati Fsc. E per sottolineare meglio le matite fluorescenti: gli evidenziatori hanno solitamente inchiostri tossici e quando finiscono vanno nell’indifferenziato…

lifegate-mondo
LifeGate nel mondo

 

  • Arreda verde
    Una pianta in ufficio mette allegria e migliora la salute. Secondo uno studio NASA, le piante aiutano a neutralizzare l’inquinamento indoor, ossia quello all’interno degli edifici.
  • Occhio all’area “pausa caffè”
    Possiamo comportarci in modo sostenibile anche quando siamo in pausa. Bicchieri, posate e piatti non devono per forza essere di plastica. Meglio materiali come la bioplastica, fabbricata in amido di mais, o comunque compostabili: si gettano nel bidoncino dell’umido e si degradano al 100%.
  • Questione di etichetta
    Un piccolo accorgimento è apporre un’etichetta che dica a che locali corrispondono i vari interruttori dell’ufficio o che ci ricordi di spegnere il monitor del computer. Spegniamo sempre luci e apparecchi elettronici quando non servono.
  • Fai un eco spuntino
    Per la merenda o per il pranzo, preferisci frutta e verdura di stagione, non di serra, meglio se a chilometro zero. E soprattutto… scegli biologico: ogni ettaro bio assorbe 1,5 tonnellate di CO2 all’anno! Puoi metterti d’accordo con i colleghi e formare un piccolo gruppo d’acquisto: potrai risparmiare e scegliere cibo di qualità.
  • Muoviti bene
    Se vai al lavoro in auto e hai un collega che fa il tuo stesso tragitto, fate car pooling, condividendo il mezzo, per risparmiare denaro e CO2 . Oppure puoi utilizzare il servizio di car sharing o bike sharing presente nella tua città, spostarti con i mezzi pubblici. E se abiti vicino all’ufficio, fai una passeggiata! L’ambiente ringrazierà

Ognuno di noi, anche con piccoli accorgimenti, può fare la differenza. Noi abbiamo deciso di iniziare ad aiutare il nostro pianeta così. Voi cosa farete?

...
B-Heroes-Logo

Startup italiane più innovative con B Heroes

B Heroes è un percorso di accelerazione, rivolto ad aziende ad alto contenuto di innovazione. Offre sostegno formativo, empowerment, accesso a finanziatori e supporto nella promozione e comunicazione. Può partecipare al percorso qualsiasi azienda, anche appena nata, con sede in Italia e tanta voglia di innovare specifici settori di intervento. E’ sì, rivolto a tutti, ma in particolare, a giovani imprenditori. Questo per fornire sostegno finanziario, cultura imprenditoriale e visibilità. Inoltre l’intento è quello di aprire il mondo delle imprese tradizionali alla open innovation, favorendo l’interscambio tra “nuovi” e “vecchi” imprenditori. Con B Heroes, infatti, l’impresa tradizionale e la startup non solo vengono messe in contatto, ma hanno modo di “provare sul campo” se l’idea e la soluzione proposta dalla startup funziona effettivamente. Si tratta di un’accelerazione, che permette di verificare se una startup ha un’idea vincente e soprattutto se l’ha realizzata nel modo giusto.

startup-bheroes-2019Da 650 candidati iniziali si è passati ai 59 pre-finalisti, fino agli ultimi 20 che si giocheranno la fase finale. La seconda edizione del programma, ha acceso i motori con l’evento ospitato tra la sera del 15 e il 16 gennaio nella sede del Sole 24 Ore a Milano. Proprio a questo evento eravamo presenti anche noi di Hostess.it per sostenere l’intera l’organizzazione con hostess per accoglienza, accredito, guardaroba e assistenza in sala. Qui le 59 startup che avevano passato la prima scrematura sono state valutate da un gruppo di mentor, che alla fine hanno selezionato le 20 meritevoli di accedere al programma di accelerazione. Queste avranno accesso ad un percorso di formazione, coaching ed accelerazione della durata di 3 mesi. Durante questo periodo avranno la possibilità di entrare in contatto con mentor di eccellenza e servizi messi a disposizione gratuitamente da partner esclusivi.

La competizione si svolgerà in primavera e sarà documentata e comunicata in un programma televisivo.  Sbarcherà su Sky Uno, in prima serata, con 15 puntate e tre giudici: Silvia Candiani, AD di Microsoft Italia, Dina Ravera già top manager di Tre, e infine Laurent Foata responsabile per l’Italia del fondo di venture capital Adrian Growth.

startup-bheroes-tv-2019

Saranno quattro le categorie di concorso, ognuna delle quali conta cinque finaliste:
  • salute e benessere;
  • sviluppo sostenibile;
  • tradizione e innovazione;
  • ambito trasformazione digitale.

 

Le 20 startup hanno superato sette prove nel corso dell’evento che si è tenuto nella sede del Sole 24 Ore: team, strategia (comprensivo di business plan e finance), marketing plan, crescita e scalabilità, impatto sociale, legale e tecnologia. Sono questi infatti gli argomenti su cui le startup si sono misurate grazie a un pool di esperti selezionatori e hanno dimostrato le buone basi della propria azienda per poter passare la selezione.

Facciamo un grandissimo in bocca al lupo a tutti i partecipanti!

...
vacanze-estate-2019

Vacanze estive 2019: le destinazioni migliori

Ecco a voi la guida alle destinazioni migliori da raggiungere questa estate!

Avete già organizzato le vacanze 2019?
Se state organizzando il vostro grande viaggio, date un’occhiata alle destinazioni più convenienti dell’anno e alle migliori città da raggiungere.

VACANZE ESTATE 2019

Se ancora non sapete dove andare questa estate, abbiamo realizzato una utile guida alle migliori destinazioni per la vacanza perfetta. Se volete coniugare mare, montagna, buona cucina e belle città, senza spendere troppo, vi consigliamo l’Abruzzo.

Tra le mete più interessanti, sempre per chi resta in Italia, c’è Siracusa, una delle città più belle della Sicilia.

vacanze-2019-mare

METE LOW COST

Siete ancora in tempo per scegliere una delle mete economiche per quest’anno di viaggi.
Tra le top destinazioni ci sono Portogallo, Marocco, Debrecen, Nepal e Namibia.

vacanze-2019-lago
  • Alentejo, Portogallo: qui potrete viaggiare on the road attraversando un vasto tratto di costa atlantica lungo la quale vedere spiagge bellissime e paesini assonnati.
  • Sète, Francia: l’arrivo dei festival Worldwide Music Festival a luglio e del Convenanza a settembre hanno reso la città una delle mete privilegiate per gli amanti della musica in Europa.
  • Lago di Bled, Slovenia: se spiaggia e mare non fanno per voi, il Lago di Bled in Slovenia può essere un ottimo punto di partenza per escursioni a piedi o in bicicletta. 
  • Stoupa, Grecia: è una destinazione ancora segreta e poco frequentata
  • Bornholm, Danimarca: l’isola è il luogo più soleggiato della Danimarca ed è famosa per le sue spiagge di sabbia fine. In molti smokehouses potete trovare sgombro e aringhe affumicate. 
  • Hvar, Croazia: è una delle destinazioni preferite per chi cerca belle spiagge e divertimento ma se vi avventurate più a nord dell’isola riuscirete, per fortuna, a trovare spiagge e paesaggi ancora tranquilli e poco affollati.
  • Sozopol, Bulgaria: ancora relativamente sconosciuta, la storica città è una delle località balneari più belle di tutta la Bulgaria.
vacanze-2019-sozopol

Ovviamente questo è solo un piccolo elenco di una moltitudine di posti da poter visitare questa estate, abbiamo cercato di inserire quelli meno comuni, per farvi conoscere anche nuovi posti!

Ora tocca a voi… fate la vostra scelta e buone vacanze!!

...
salone-mobile-2019-milano

Salone del Mobile 2019: la settimana del design a Milano

E’ sempre più vicino l’attesissimo Salone del Mobile 2019, che trasforma Milano, insieme al Fuorisalonenella capitale di design e arredo casa.

Quest’anno sarà l’edizione numero 58 e come sempre si svolgerà presso il quartiere Fiera Milano a Rho, da martedì 9 a domenica 14 aprile 2019, con apertura al pubblico nelle sole giornate di sabato 13 e domenica 14 aprile.
Contemporaneamente al Salone del Mobile 2019 sono in programma anche le biennali Workplace3.0, ovvero il salone dedicato all’ambiente di lavoro, ed Euroluce, il salone dell’illuminazione. salone-mobile-euroluce-2019

La settimana milanese dedicata all’arredamento, tendenze di design e architettura vedrà protagoniste tecnologia, flessibilità e sostenibilità. Un insieme che guarda, più che mai, al futuro. Si racconteranno le novità e verranno proposti tutti gli eventi da non perdere. Il Salone 2019 punta di nuovo i riflettori sulla centralità di Milano da un lato, e dall’altro sulla capacità creativa e la generosità di spirito della rete industriale.

Inoltre, quest’edizione segna il nascere di un nuovo percorso espositivo trasversale, ovvero il  S.Project. Uno spazio poliedrico le cui caratteristiche sono multisettorialità, sinergia e qualità. Sarà dedicato ai prodotti di design e alle soluzioni decorative e tecniche del progetto d’interni. Sono circa 550, invece, i protagonisti del ventiduesimo SaloneSatellite. Il tema di quest’anno sarà Food as a Design Object. La speranza è che lo slogan possa sollecitare ai giovani creativi provenienti da tutto il mondo, risposte e soluzioni avanguardistiche, idee, progetti e contributi originali.

salone-del-mobile-design-2019

L’edizione di quest’anno sarà caratterizzata anche da un omaggio a Leonardo da Vinci, proprio nel cinquecentenario della sua morte. Al genio e ai suoi studi sull’acqua il Salone del Mobile 2019 dedica l’installazione Aqua: la visione di Leonardo presso la Conca dell’Incoronata, che racconta un piccolo frammento del Rinascimento e del futuro di Milano.

Il Salone ha, inoltre, stretto un accordo triennale con Fondazione Teatro alla Scala. Questo per sottolineare e valorizzare ancora di più il profondo legame con Milano, e nello spirito di una sempre maggiore apertura allo scambio e alla circolazione di idee, cultura e creatività. Per la prima volta, dunque, il Salonesalone-mobile-2019-fiera-milano 2019 si aprirà con un grande concerto!

A rimarcare il ruolo internazionale del Salone, nonché la loro vocazione all’inclusione e all’ospitalità, si rinnova per il sesto anno consecutivo il Progetto Accoglienza. Verranno predisposte postazioni di benvenuto dislocate nei punti nevralgici della città. Qui troverete studenti che forniranno al pubblico indicazioni sulla mobilità in città, sulla fiera stessa e anche sulle iniziative comprese nel palinsesto degli eventi previsti.

Anche quest’anno, il Salone del Mobile si conclude con una grande festa del design, celebrata venerdì 12 aprile a Palazzo Marino. Sarà un’occasione per celebrare l’impegno produttivo e organizzativo delle aziende e di tutti quei designer e personaggi che contribuiscono a rendere Milano il luogo più interessante e attrattivo al mondo in questa settimana.

...
festival-di-sanremo-2019

Festival di Sanremo 2019 Teatro Ariston

Torna il Festival di Sanremo, dopo un anno di trepidante attesa. L’edizione 2019 della manifestazione in onore della musica italiana, diretta per il secondo anno consecutivo da Claudio Baglioni, è in programma dal 5 al 9 febbraio. L’evento viene trasmesso in diretta dal teatro Ariston su Rai 1, in prima serata.

Al posto di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, mattatori della scorsa edizione, Claudio Baglioni quest’anno ha voluto accanto sul palco Claudio Bisio e Virginia Raffaele. I due comici, per la prima volta insieme su un palco e in tv, promettono gag inedite e tanto divertimento, senza però rubare la scena alla gara.

festival-sanremo-2019-canzoni

Il Festival di Sanremo, che arriva quest’anno all’edizione numero 69, è di gran lunga l’evento musicale più importante del nostro Paese. Ma è anche uno dei più chiacchierati: milioni e milioni di spettatori rimangono letteralmente incollati davanti agli schermi per godersi le canzoni in gara, discutere sui look di ospiti e conduttori, confrontarsi sulle speranze dei singoli artisti.

Il Festival è sicuramente uno degli appuntamenti annuali più amati dalle famiglie italiane.

Primo record per quest’anno 2019: il Teatro Ariston, al 24 gennaio 2019 è già sold out. A meno di due settimane dalla prima serata, tutti i posti disponibili sono già stati acquistati. L’organizzazione ha deciso, quindi, di non aprire la pagina web dedicata alla prenotazione dei biglietti per le singole serate.

Nella prima serata di martedì 5 febbraio, si esibiranno tutti e 24 i cantanti in gara. Seconda e terza serata, invece, vedranno sul palco solo la metà di loro. I primi 12 cantanti saranno mercoledì 6 febbraio e gli altri 12 giovedì 7 febbraio. La quarta serata, venerdì 8 febbraio, sul modello già collaudato lo scorso anno, sarà una serata-evento. Il programma si chiuderà con questa serata, in cui ogni artista canterà in compagnia di un ospite il proprio brano, in una versione rivisitata per l’occasione.

Baglioni non cambia idea: anche quest’anno non ci saranno eliminazioni. I 24 cantanti in gara si esibiranno fino all’ultima serata, come un vero e proprio concorso, per poi stilare la classifica finale. Il vincitore di Sanremo 2019 viene scelto tramite quattro tipologie di voto: tre giurie (demoscopica, esperti e giornalisti) più il televoto del pubblico.

Trattative ancora aperte per gli ospiti, che anche quest’anno saranno tutti italiani. Tra i nomi svelati finora Andrea Bocelli, che salirà sul palco dell’Ariston insieme al figlio Matteo, Giorgia, Elisa e la coppia Baudo-Rovazzi.  E’ probabile anche l’arrivo del duo comico Pio e Amedeo, non ci sarà invece Paola Cortellesi.

festival-sanremo-2019-musica

I cantanti in gara al Festival

Sono 24 i cantanti in gara, 22 big ai quali si aggiungono i due vincitori di Sanremo Giovani, decretati venerdì 21 dicembre: Einar con “Centomila volte” e Mahmood con “Gioventù bruciata”. Ecco i nomi dei big in gara: Loredana Bertè con “Cosa ti aspetti da me”. Il Volo con “Musica che resta”. Ghemon con “Rose viola”. Paola Turci con “L’ultimo ostacolo”. Simone Cristicchi con “Abbi cura di me”. Nek con “Mi farò trovare pronto”. Motta con “Dov’è l’Italia”. Irama con “La ragazza col cuore di latta”. Ultimo con “I tuoi particolari”. Anna Tatangelo con “Le nostre anime di notte” e Zen Circus con “L’amore è una dittatura”. Nino D’Angelo in coppia con il giovane rapper Livio Cori con “Un’altra luce”. Ex Otago con “Solo una canzone”. Patty Pravo e Briga con “Un po’ come la vita”. Boomdabash con “Per un milione”. Francesco Renga con “Aspetto che torni”. Arisa con “Mi sento bene”. Achille Lauro con “Rolls Royce”. Daniele Silvestri con “Argento vivo”. I Negrita con “I ragazzi stanno bene”. Enrico Nigiotti con “Nonno Hollywood”. Federica Carta e Shade con “Senza farlo apposta” e Mahmood con “Soldi”.

...
pitti-uomo-2019

Pitti Immagine Uomo: quali novità nel 2019?

E’ partita l’edizione 2019 del grande evento di moda. L’edizione numero 95 di Pitti Immagine Uomo si apre nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Durante la cerimonia verrà consegnato il Premio Pitti Immagine alla carriera 2019 al designer Italo Lupi e si svolgerà l’annullo primo giorno di emissione del francobollo dedicato ai 30 anni di Pitti Immagine. Poi ci si sposterà alla Fortezza da Basso per tagliare il nastro della rassegna.

pitti-immagine-uomo-2019

La fiera internazionale dell’abbigliamento maschile più importante del mondo va in scena tra novità interessanti, anniversari ‘lunari’ e svolta digitale.

Ledizione 2019 di Pitti Uomo si è aperta con una pre-serata: una cena di gala a Palazzo Pitti, in cui si fa a gara per chi sarà il più elegante. Nei padiglioni della Fortezza da Basso saranno presenti 1.230 marchi, di cui 542 brand stranieri, ovvero ben il 44%, che esporranno le collezioni dedicate al prossimo inverno. La manifestazione di riferimento a livello globale per il menswear e il lifestyle contemporaneo conta in media 36mila visitatori.

Infine una importantissima novità: il lancio di e-PITTI.com, una piattaforma B2B che permetterà ai buyer certificati di avere accesso a un catalogo di 920 brand e 6000 prodotti già a partire dall’11 gennaio, oltre a editoriali con le tendenze per la prossima stagione e approfondimenti sui marchi. Una svolta digitale fortemente voluta da Pitti Immagine.

pitti-uomo-2019-modelli

Eventi

Vogliamo riportarvi qui alcuni degli eventi ai quali possono partecipare tutti quanti; non è quindi richiesto nessun invito.

Martedì 8/01

H 10.30 Best Company, Archivi3. Performance di breakdance

H 11.30 Aeronautica Militare, Cortile Medici. Ospiti speciali allo stand Alex Ranghieri della Nazionale di beach volley, Marco Lodadio, medaglia di bronzo ai campionati mondiali di ginnastica artistica e una delegazione di piloti del 101° Gruppo di Istrana in tenuta da volo

H 16 Mackage, Area Monumentale, Grotte. Cocktail party e djset di Anfisa Letyago

H 16.30 SSEINSE, Cortile Arsenale. Fashion Aperitif. Dj-set, Sushi & Martini

H 17 Why do we need a fashion revolution?, FOOO, Viale S. Lavagnini 70/72, Firenze. Speech organizzato da FOOO e WRÅD sulla sostenibilità e la nuova responsabilità delle aziende di moda con Matteo Ward, ceo WRÅD. Guest speaker di Rock Experience e Fashion Revolution. Proiezione esclusiva del corto Who Made My Clothes?

H 18 Sergio Tacchini, Montgomery, Via Pellicceria 22., Firenze. Cocktail e djset

Mercoledì 9/01

H 7 Push Hard Pitti Run. Partenza da Piazza Santa Maria Novella, Firenze. Running prima di entrare in fiera

H 10 Slam Jam mostra con Carhartt WIP, Nike e Stussy, Museo Marino Marini. Aperto al pubblico fino al 14 gennaio

H 11.30 U.S.POLO ASSN., Padiglione Cavaniglia, Stand 6. DJ Set con Brina Knauss

H 12 Kejo, Lyceum, Primo Piano, Stand 77-79. Ospite speciale allo stand Christian Vieri

H 16 Moose Knuckles, Spazio Belfiore, Stand 2. MOOSE HOUSE: cocktails and showcase by Machete +333MOB. Performers: Lazza & Dani Faiv. Djs: Slait, Low Kidd & Kanesh

H 18 M o o d R o o m s, The Student Hotel. Moodboard + Room = Mood Rooms. 3 designer fiorentini trasformeranno alcune stanze di TSH declinandole secondo la loro visione creativa. Site-specific happening ore 18:30

H 20 Rendez-Vous with Bruce Pask / Polimoda, Polimoda, Villa Favard, Via Curtatone 1, Firenze. Il Men’s Fashion Director di Bergdorf Goodman e Neiman Marcus Bruce Pask dà il via alla prima guest lecture dell’anno della serie Rendez-Vous. Prenotazioni: www.polimoda.com/rendez-vous-bruce-pask/

Giovedì 10/01

H 11 Diadora It Plays Something Else, Stazione Leopolda. Mostra aperta al pubblico

H 15 Divisibile, Padiglione Cavaniglia, Stand 19. Ospiti speciali allo stand Benji&Fede

H 17 I cinque sensi, Museo di Casa Martelli. Alla scoperta dell’epoca rococò e dei suoi piaceri attraverso i cinque sensi. Ingresso libero (posti limitati)

La sera, Cecilia Rodriguez sarà la madrina per il lancio del famoso marchio di calzature di lusso italiano El Vaquero alla Congrega

Venerdì 11/01

H 10 Guest Lecture Buying and storytelling: the language of fashion in a concept store/Polimoda, Polimoda, Villa Favard. In occasione del Polimoda Open Day, il Menswear and Womenswear Buyer di 10 Corso Como Filippo Leone Maria Biraghi terrà una speciale lezione sul fashion buying. Prenotazioni: www.polimoda.com/it/servizi/welcome/open-day/

H 16 MASCHIO Forum, Palazzo Capponi. Fashion Business Summit su moda maschile e lifestyle e una tavola rotonda sull’eCommerce. In chiusura Networking light dinner e cocktail. Per registrarsi mondomaschio.com

pitti-uomo-2019-gucci-garden

Da non perdere:

Il Gucci Garden, all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia in piazza della Signoria, è sicuramente un passaggio fondamentale. Nuovi interventi murali occupano le zone di passaggio tra i vari piani del Gucci Garden: la storia della creazione di Jayde Fish e le frasi immaginifiche di Coco Capitán cedono il passo a una serie di walls inediti, capaci di coinvolgere il visitatore e di colloquiare con le finestre che si aprono su piazza della Signoria, stabilendo un contatto tra gli spazi di transito del Gucci Garden e lo spazio brulicante della piazza. Inoltre, nella boutique del Gucci Garden, sarà presentata una selezione di oggetti e capi di abbigliamento con le immagini di un’artista che per la prima volta collabora con la Maison.

 

...
abbronzatura-perfetta-2019

Abbronzatura: come preparare al meglio la nostra pelle

Abbronzatura perfetta, i segreti da mettere in pratica subito. Innanzitutto un’abbronzatura perfetta si contraddistingue per queste caratteristiche:

  • Durata
  • Pelle idratata, non spellata, non secca
  • Abbronzatura nata gradualmente e non tramite esposizione eccessiva in poco tempo

Il segreto cardine dell’abbronzatura perfetta è infatti saper avere pazienza, prendendo il sole a piccoli passi per evitare di rovinare tutto il nostro lavoro spellando la pelle, rovinandola e nel peggiore dei casi sottoponendola a fastidi e problemi eccessivi.

Ecco un piccolo vademecum di azioni e consigli per abbronzarsi perfettamente. Più avanti parleremo di integratori e cibi consigliati per dare una mano alla tintarella.

Il vademecum

  • Eseguire uno scrub almeno 24 ore prima dell’esposizione, lo stesso vale per la depilazione (di ogni tipo);
  • usare una crema massima protezione e applicarla almeno 30 minuti prima dell’esposizione;
  • non esporsi al sole truccate, con profumi o creme che non siano quelle protettive;
  • evitare gli orari in cui il sole è a picco e i raggi UVA e UVB raggiungono la maggiore intensità, dalle 11 circa fino a dopo pranzo;
  • usate cappelli e proteggete anche capelli e labbra;
  • bevete molta acqua e idratate bene la pelle, applicando la crema protettiva più volte durante la giornata;
  • giratevi ogni 15/20 minuti per favorire un’abbronzatura uniforme;
  • ricordate che anche in acqua non siete a riparo dai raggi solari, perciò calcolate il tempo del bagno fra quello di esposizione per non esagerare;
  • usate un doposole idratante che nutra la pelle permettendo all’abbronzatura di durare più a lungo;
  • scegliere gli alimenti corretti.

Cibo per abbronzatura perfetta

Concentriamoci ora sull’ultimo punto del vademecum e ricordiamoci che l’alimentazione è l’alleata perfetta di una splendida abbronzatura. Vi proponiamo alcuni consigli da seguire per preparare la vostra pelle all’esposizione solare in modo naturale grazie ai cibi giusti.

  • Puntate sugli alimenti ricchi di carotene: carote, pomodori, albicocche, melone, verdure a foglia verde sono tutte verdure che stimolano la sintesi della melanina e preparano la pelle all’abbronzatura.
  • Rivitalizzate naturalmente la pelle: preparatevi ogni mattina una spremuta di limone e acqua minerale. Questo cocktail speciale permetterà di evitare gli arrossamenti e purificherà l’incarnato.
  • Aggiungete al vostro menu vitamine preziose e antiossidanti: la vitamina A si trova nel pesce grasso (salmone, sgombro) mentre la vitamina E in oli vegetali e cereali.

Con un’alimentazione più ricca di vitamine e antiossidanti, la vostra pelle sarà pronta per il sole.
Cosa aspettate a preparavi? Non manca molto alle giornate al mare!

...
carnevale-2019

Carnevale guarisce ogni male!

L’arrivo del carnevale è atteso già da dopo la fine delle vacanze natalizie da bambini, adulti e, perchè no, anche anziani. Dopo i mesi no stop di gennaio e febbraio, c’è di nuovo da festeggiare.

La data di questa festività è sempre un grande dilemma. Per questo 2019, però, vediamo di chiarire le cose stabilendo subito su quale giorno cadrà.

Carnevale 2019: quando cade?

Il Carnevale è strettamente legato alla Pasqua. Quest’anno Pasqua sarà il 21 aprile, abbastanza tardi, per cui: giovedì grasso sarà il 28 febbraio, martedì grasso sarà il 5 marzo. Questo è vero per tutta Italia salvo Milano. Nel capoluogo lombardo, infatti, le feste si allungano di qualche giorno con il carnevale ambrosiano, per cui proseguono fino a sabato 9 marzo. carnevale-ambrosiano-2019
Tante le iniziative previste a Milano per l’occasione. In primis il lungo corteo del sabato pomeriggio che culminerà con una sfilata in piazza Duomo. Protagonista assoluta del carnevale ambrosiano è la maschera di Meneghino, un servo che si burla dei difetti dei nobili.

Il carnevale italiano più conosciuto

In Italia ci sono diverse tradizioni riguardo al carnevale che si manifestano in numerosi eventi a cui partecipare. Le più famose, che possono anche fornire la scusa per un weekend fuori porta, sono quelle di Viareggio e Venezia. Il carnevale di Venezia è uno dei più famosi e antichi del mondo ed intratterrà il pubblico dal 23 febbraio al 5 marzo, con la programmazione di circa 50 eventi, dalla festa veneziana sul Rio del Cannaregio alla sfilata in maschera in Piazza San Marco. Per citarne qualcuno nello specifico, ci sarà la Festa Veneziano sull’acqua i giorni 16 e 17 febbraio, dal 23 febbraio al 5 marzo Official Lunatic Dinner Ball ogni sera dalle 21:00, Carnevale di Rialto i giorni 21, 23, 27, 28, 2 e 3.

Carnevale-Venezia-2019
Uno degli eventi più attesi del Carnevale di Venezia è da sempre il Volo dell’Angelo, che si terrà il 24 febbraio 2019. Quest’anno a volare sulla folla è Erika Chia. Tante, inoltre, le sfilate in tutta la città, per una festa che affonda le sue radici nella storia, già all’epoca della Serenissima. L’inizio ufficiale delle celebrazioni è rappresentato dalla Festa Veneziana sull’acqua, in cui Rio di Cannaregio ospita una suggestiva sfilata sulle gondole.

Il coloratissimo carnevale di Viareggio, invece, durerà dal 9 febbraio al 5 marzo. Il 2019 rappresenterà la 146esima edizione sul lungo mare di Viareggio, forse uno dei più belli d’Italia, con gli edifici in stile liberty che si affacciano sulla spiaggia, con carri, maschere e sfilate.

carnevale-viareggio-2019

 

...
matera-capitale-cultura-europea-2019

Matera, capitale della cultura europea nel 2019

La città di Matera è la capitale europea della cultura nel 2019, insieme a Plovdiv in Bulgaria. Dopo Genova capitale europea della cultura nel 2004, Matera è la successiva città italiana ad ospitare la manifestazione.

matera-città-2019Candidata nel 2008, Matera è stata designata il 17 ottobre 2014 Capitale europea della cultura per il 2019. È la prima città dell’Italia meridionale a ricevere questo riconoscimento, ottenuto dopo essere entrata in una shortlist che comprendeva altre 5 città italiane (Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna, Siena). Il verdetto è stato comunicato dal presidente della Giuria internazionale di selezione, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini.

Lo slogan scelto da Matera per la sua candidatura è stato “Open Future”. La Fondazione Matera-Basilicata 2019 che gestisce lo sviluppo del dossier di candidatura di Matera capitale europea della cultura per il 2019, vince il premio Melina Merkourī (ideatrice delle capitali europee della cultura), assegnatogli dalla giuria internazionale di selezione europea.

Hanno preso il via tantissimi eventi suddivisi in 48 settimane di kermesse. La cerimonia inaugurale si è svolta il 19 gennaio e noi di Hostess.it eravamo presenti durante questa giornata con hostess e steward, che si sono occupati di distribuzione gadget. matera-hostess-stewardGià dalla mattina la cittadina si è trasformata in un’immensa festa di paese con 54 bande musicali provenienti da tutta la regione e dall’Europa. I duemila musicisti in serata sono arrivati sui Sassi con la loro musica. Il 20 gennaio, invece, ogni banda lucana presente ne ha ospitata una straniera nel proprio comune, per far proseguire la musica.

Matera 2019, però, non sarà solo questo, ma molto di più… come indicano i tanti eventi che si terranno nel corso dell’anno. Il programma presentato vede la cittadina della Basilicata e tutta la regione trasformarsi nel luogo per celebrare la conoscenza e l’arte a trecentosessanta gradi.

 I 5 temi principali del programma di Matera
  • Futuro remoto: una riflessione sul millenario rapporto dell’umanità con lo spazio e le stelle. Ripercorrendo i passi di uno dei residenti più illustri della regione (Pitagora), si esplorerà l’antica bellezza della matematica e si analizzeranno le infinite possibilità del dialogo tra uomo e natura. Il tutto ambientando concerti e percorsi di visita in luoghi di suggestione. matera-2019
  • Continuità e rotture: un’opportunità per affrontare le molteplici forme di vergogna a livello europeo. Dalle diseguaglianze sociali, al risorgere del razzismo, all’incapacità di molti paesi europei di offrire futuro e speranza ai loro giovani, al dramma dell’esodo di disperati in fuga dalle guerre.
  • Riflessioni e connessioni: riscoprire il valore del tempo e della lentezza. Dimostrare che l’arte, la scienza e la pratica diffusa della cittadinanza culturale possono rappresentare in tutta Europa gli elementi catalizzatori di un nuovo modello di comunità.
  • Utopie e distopie: intende testare schemi innovativi che rappresentino una sfida ai preconcetti. Come per esempio che per le città del Sud il turismo sia l’unica strada percorribile per la stabilità economica. Che la tecnologia sia il solo modello di mediazione nelle relazioni. Che la monocultura industriale sia l’unica possibilità di sviluppo. Con giochi e sport urbani e rurali, Matera sarà il terreno dove immaginare alternative possibili.
  • Radici e percorsi: la mobilità è la linfa vitale della regione. Dalla Magna Grecia a Roma, dalla tradizione della transumanza, dall’epoca di Bizantini, Longobardi, Arabi, Svevi, Angioini, la Basilicata è sempre stata spazio di incontro e convergenza.

Il programma inoltre si basa su due progetti pilastro:

  • I-DEA (Istituto Demo-Etno-Antropologico): l’archivio degli archivi, un viaggio attraverso le collezioni della Basilicata.
  • Open Design School: un laboratorio internazionale al servizio della comunità e della scena creativa.
...
guardarobiere-grucce-marche-contromarche

Guardarobiere e guardaroba perfetti? Si può!

Quante volte vi è capitato di candidarvi a lavori da guardarobiere? Quante volte siete riuscite a concludere il lavoro senza intoppi?

Sembra un lavoro molto semplice, non che sia complicato, ma è sicuramente richiesta particolare attenzione!! Non vorrete rischiare di fare confusione e disperdere i soprabiti dei clienti, vero?!

Ecco perché abbiamo pensato di fare una breve guida per spiegarvi i pochi passaggi fondamentali, che non devono mancare.

Innanzitutto è bene portarsi avanti prima dell’arrivo della massa di ospiti. Di solito ci sono 2 varianti in un guardaroba: 1) le marche e contromarche; 2) i numeri già inseriti sulle grucce guardarobiere-numeri a cui corrispondono altrettante placchettine numerate guardarobiere-placchettine, da agganciare alla gruccia.
In che modo, quindi, avvantaggiarsi?

Nel primo caso bisognerà staccare l’intero fogliettino dal blocchetto, composto da marca e contromarca ed inserirlo nel gancio della gruccia, fatelo predisponendo già tutte le grucce sulle relle in ordine numerico prima dell’inizio attività. All’arrivo degli ospiti, siate pronte al bancone già con una gruccia completa in mano e quando vi consegneranno il soprabito potrete staccare uno dei due fogliettini (la contromarca) e consegnarla all’invitato dopo aver sistemato il cappotto sulla gruccia. L’altro fogliettino (la marca), invece, rimarrà sulla gruccia col corrispondente numeretto e giaccone e potrete riporla in ordine progressivo sulle relle. Così facendo il procedimento sarà più veloce, più pratico e soprattutto si avrà più sicurezza che il cliente abbia preso il numero corretto, relativo alla gruccia in cui è posto il suo soprabito.

Nel secondo caso, il procedimento fondamentalmente è lo stesso ma si avranno sulle grucce numerate il numero agganciato, che si dovrà poi consegnare al cliente.

Passo a passo

Cerchiamo di farvi vedere, attraverso delle immagini, quello che vi abbiamo spiegato qui sopra. Sperando che sia il più chiaro possibile.

  1. Marche e contromarche  guardarobiere-marche-contromarche
  2. Marche e contromarche inserite insieme sulla gruccia  
  3. Staccare i due fogliettini: marca sulla gruccia, contromarca al cliente guardarobiere-cliente
Consigli utili
  1. Quando consegnate la contromarca, consigliate al proprietario dell’abito di fotografare il fogliettino. In questo modo, se per caso dovesse perderlo, avrebbe comunque modo di recuperare il suo cappotto
  2. Se non riuscite a trovare il capo d’abbigliamento, chiedete quante più informazioni possibili per aiutarvi a ritrovarlo (es: di che marca, di quale colore, che modello ecc). Una volta che pensate di averlo trovato, domandate se c’è qualcosa nelle tasche che possa accertare che sia di sua proprietà. In questo modo eviterete di consegnare l’abito sbagliato.

Speriamo di esservi stati d’aiuto e che tutti i vostri prossimi lavori da guardarobiere possano essere perfetti!

 

 

 

 

 

 

 

...
milano-fashion-week-2020

Milano Fashion Week primavera estate 2020

La settimana della moda primavera estate 2020 ha inizio oggi 17 settembre e durerà fino al 2.
Ci aspetta un denso programma di sfilate tra i grandi nomi del Made in Italy, mostre ed eventi speciali nelle più svariate boutique. Quest’anno, più che mai, c’è una numerosa presenza di giovani stilisti e marchi nuovi e promettenti.
L’aspetto più rilevante di questa edizione, però, è l’aspetto green della manifestazione. La Milano Fashion Week, infatti, è sempre più aperta al pubblico e sempre più orientata verso una mobilità eco-friendly. Principali obiettivi raggiunti sono stati l’uso intelligente e anti-spreco delle location.

La Milano Fashion Week da non perdere

Milano Moda Donna si inaugura ufficialmente martedì 17 settembre con la sfilata/evento di United Colors of Benetton. Entra nel vivo, però, mercoledì 18 con A new awarness, l’appuntamento dedicato alla sostenibilità diffusa, dalla moda all’arte. Il punto di riferimento della manifestazione meneghina, sarà il Fashion Hub presso lo Spazio Cavallerizze. Ovvero un ambiente plastic free realizzato con arredi riciclati e luci a basso consumo.

Da non perdere poi i Green Carpet Fashion Awards Italia 2019 che celebrano l’impegno del mondo della moda nei confronti dell’ambiente.  Come ha dichiarato il presidente della Camera della Moda Carlo Capasa, in questa edizione sono previste molte sorprese e occasioni speciali. Tra queste, il lancio del pop-up store di Vestiaire Collective, presso la boutique Tearose. Realizzato per promuovere la circolarità nella moda, contrastando il consumo compulsivo nell’industria della moda con la proposta di articoli già prodotti.

milano-fashion-week-2020-versace

Eventi in boutique e aperti in città

Ogni giorno da mercoledì 18 a sabato 21 settembre con due sessioni dalle 10.30 alle 11.00 e dalle 11.00 alle 11.30 presso lo store di & Other Stories di Corso Vittorio Emanuele II si terranno le attività e i workshop sul tema del riciclo in collaborazione con l’Istituto Marangoni di Milano.

Venerdì 20 settembre invece nello store multi-brand Clan Upstair in via Pontaccio viene inaugurata la mostra e la presentazione della collezione “Resilience SS20” di ARA LUMIERE, brand della NGO HOTHUR FOUNDATION di Kulsum Shadab Wahab nato a sostegno di donne indiane vittime di aggressioni con acido.

Sabato 21 settembre, dalle 15 alle 18, ci sarà l’installazione di LABO.ART nella zona pedonale di piazza XXV Aprile in cui il pubblico potrà sfilare liberamente sul red carpet mentre 72 artisti, modelle e performers indosseranno i capi della nuova collezione primavera estate 2020. 

Come sempre durante la Milano Fashion Week la città propone una serie di importanti appuntamenti culturali. Molte infatti le mostre da non perdere come “Abiti da star Rosanna Schiaffino e la Moda a Palazzo Morando” (fino al 29 settembre), “Louis Vuitton Time Capsule Exhibition Milan” a Palazzo Reale (dal 20 settembre al 20 ottobre 2019), “Milano e moda omaggio a Gian Paolo Barbieri” a Palazzo Pirelli (dal 18 al 30 settembre 2019), “Wes Anderson Juman Malouf il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” in scena alla Fondazione Prada (dal 20 settembre 2019 al 13 gennaio 2020) e “1969/2019 Callas mai vista” al Savini Milano in via Ugo Foscolo 5 (dall’11 al 30 settembre). Domenica 22 settembre a Palazzo Mezzanotte in Piazza Affari è il turno della mostra “Suzhou Heritage” dedicata alla millenaria tradizione delle sete di Suzhou (ingresso gratuito dalle 10.00 alle 17.30)

Milano Fashion Week digitale

milano-fashion-week-online

Se non avete un indispensabile invito ai catwalk più esclusivi della stagione non fatevi prendere dal panico! La Fashion Week potrà essere seguita live e in streaming sul sito della Camera Nazionale della Moda Italiana. Oppure anche attraverso Facebook, Twitter e Instagram e sull’app “Camera Moda” oltre al maxi-schermo in Corso Vittorio Emanuele angolo piazza San Babila.

...
abbronzatura-perfetta-2019

Abbronzatura: come preparare al meglio la nostra pelle

Abbronzatura perfetta, i segreti da mettere in pratica subito. Innanzitutto un’abbronzatura perfetta si contraddistingue per queste caratteristiche:

  • Durata
  • Pelle idratata, non spellata, non secca
  • Abbronzatura nata gradualmente e non tramite esposizione eccessiva in poco tempo

Il segreto cardine dell’abbronzatura perfetta è infatti saper avere pazienza, prendendo il sole a piccoli passi per evitare di rovinare tutto il nostro lavoro spellando la pelle, rovinandola e nel peggiore dei casi sottoponendola a fastidi e problemi eccessivi.

Ecco un piccolo vademecum di azioni e consigli per abbronzarsi perfettamente. Più avanti parleremo di integratori e cibi consigliati per dare una mano alla tintarella.

Il vademecum

  • Eseguire uno scrub almeno 24 ore prima dell’esposizione, lo stesso vale per la depilazione (di ogni tipo);
  • usare una crema massima protezione e applicarla almeno 30 minuti prima dell’esposizione;
  • non esporsi al sole truccate, con profumi o creme che non siano quelle protettive;
  • evitare gli orari in cui il sole è a picco e i raggi UVA e UVB raggiungono la maggiore intensità, dalle 11 circa fino a dopo pranzo;
  • usate cappelli e proteggete anche capelli e labbra;
  • bevete molta acqua e idratate bene la pelle, applicando la crema protettiva più volte durante la giornata;
  • giratevi ogni 15/20 minuti per favorire un’abbronzatura uniforme;
  • ricordate che anche in acqua non siete a riparo dai raggi solari, perciò calcolate il tempo del bagno fra quello di esposizione per non esagerare;
  • usate un doposole idratante che nutra la pelle permettendo all’abbronzatura di durare più a lungo;
  • scegliere gli alimenti corretti.

Cibo per abbronzatura perfetta

Concentriamoci ora sull’ultimo punto del vademecum e ricordiamoci che l’alimentazione è l’alleata perfetta di una splendida abbronzatura. Vi proponiamo alcuni consigli da seguire per preparare la vostra pelle all’esposizione solare in modo naturale grazie ai cibi giusti.

  • Puntate sugli alimenti ricchi di carotene: carote, pomodori, albicocche, melone, verdure a foglia verde sono tutte verdure che stimolano la sintesi della melanina e preparano la pelle all’abbronzatura.
  • Rivitalizzate naturalmente la pelle: preparatevi ogni mattina una spremuta di limone e acqua minerale. Questo cocktail speciale permetterà di evitare gli arrossamenti e purificherà l’incarnato.
  • Aggiungete al vostro menu vitamine preziose e antiossidanti: la vitamina A si trova nel pesce grasso (salmone, sgombro) mentre la vitamina E in oli vegetali e cereali.

Con un’alimentazione più ricca di vitamine e antiossidanti, la vostra pelle sarà pronta per il sole.
Cosa aspettate a preparavi? Non manca molto alle giornate al mare!

...
salone-mobile-2019-milano

Salone del Mobile 2019: la settimana del design a Milano

E’ sempre più vicino l’attesissimo Salone del Mobile 2019, che trasforma Milano, insieme al Fuorisalonenella capitale di design e arredo casa.

Quest’anno sarà l’edizione numero 58 e come sempre si svolgerà presso il quartiere Fiera Milano a Rho, da martedì 9 a domenica 14 aprile 2019, con apertura al pubblico nelle sole giornate di sabato 13 e domenica 14 aprile.
Contemporaneamente al Salone del Mobile 2019 sono in programma anche le biennali Workplace3.0, ovvero il salone dedicato all’ambiente di lavoro, ed Euroluce, il salone dell’illuminazione. salone-mobile-euroluce-2019

La settimana milanese dedicata all’arredamento, tendenze di design e architettura vedrà protagoniste tecnologia, flessibilità e sostenibilità. Un insieme che guarda, più che mai, al futuro. Si racconteranno le novità e verranno proposti tutti gli eventi da non perdere. Il Salone 2019 punta di nuovo i riflettori sulla centralità di Milano da un lato, e dall’altro sulla capacità creativa e la generosità di spirito della rete industriale.

Inoltre, quest’edizione segna il nascere di un nuovo percorso espositivo trasversale, ovvero il  S.Project. Uno spazio poliedrico le cui caratteristiche sono multisettorialità, sinergia e qualità. Sarà dedicato ai prodotti di design e alle soluzioni decorative e tecniche del progetto d’interni. Sono circa 550, invece, i protagonisti del ventiduesimo SaloneSatellite. Il tema di quest’anno sarà Food as a Design Object. La speranza è che lo slogan possa sollecitare ai giovani creativi provenienti da tutto il mondo, risposte e soluzioni avanguardistiche, idee, progetti e contributi originali.

salone-del-mobile-design-2019

L’edizione di quest’anno sarà caratterizzata anche da un omaggio a Leonardo da Vinci, proprio nel cinquecentenario della sua morte. Al genio e ai suoi studi sull’acqua il Salone del Mobile 2019 dedica l’installazione Aqua: la visione di Leonardo presso la Conca dell’Incoronata, che racconta un piccolo frammento del Rinascimento e del futuro di Milano.

Il Salone ha, inoltre, stretto un accordo triennale con Fondazione Teatro alla Scala. Questo per sottolineare e valorizzare ancora di più il profondo legame con Milano, e nello spirito di una sempre maggiore apertura allo scambio e alla circolazione di idee, cultura e creatività. Per la prima volta, dunque, il Salonesalone-mobile-2019-fiera-milano 2019 si aprirà con un grande concerto!

A rimarcare il ruolo internazionale del Salone, nonché la loro vocazione all’inclusione e all’ospitalità, si rinnova per il sesto anno consecutivo il Progetto Accoglienza. Verranno predisposte postazioni di benvenuto dislocate nei punti nevralgici della città. Qui troverete studenti che forniranno al pubblico indicazioni sulla mobilità in città, sulla fiera stessa e anche sulle iniziative comprese nel palinsesto degli eventi previsti.

Anche quest’anno, il Salone del Mobile si conclude con una grande festa del design, celebrata venerdì 12 aprile a Palazzo Marino. Sarà un’occasione per celebrare l’impegno produttivo e organizzativo delle aziende e di tutti quei designer e personaggi che contribuiscono a rendere Milano il luogo più interessante e attrattivo al mondo in questa settimana.

...

LifeGate Energy: Hostess.it ha scelto energia 100% rinnovabile

Secondo le stime di LifeGate, per ogni kWh proveniente da centrali idroelettriche, le emissioni di anidride carbonica sono pari a 23.24 grCO2eq. Per rendere il ciclo dell’energia rinnovabile totalmente pulito, LifeGate Energy si avvale del progetto Impatto Zero®: l’anidride carbonica generata dalla filiera produttiva e distributiva della fornitura è stata compensata mediante crediti di carbonio provenienti da progetti di efficienza energetica e da interventi di creazione e tutela di foreste in crescita in Italia e nel mondo.

lifegate-lagoNoi di Hostess.it aggiungiamo il nostro nome a quello delle numerose aziende che hanno sposato la battaglia per le fonti rinnovabili promossa da LifeGate Energy.  La rete aziendale è così alimentata esclusivamente da energia elettrica sostenibile: 100% da fonti rinnovabili (sole, vento e acqua), 100% italiane e certificate, con emissioni di CO2 residue compensate con il progetto Impatto Zero®.
I nostri consumi elettrici, di conseguenza, non sono più un peso sull’ambiente.

Con LifeGate, abbiamo un ruolo attivo come agente di cambiamento nella sfida ambientale più importante della nostra epoca: la transizione energetica dai combustibili fossili verso le rinnovabili. Nel 2016, l’81% di tutta l’energia prodotta nel mondo proveniva da combustibili fossili, i principali responsabili dei cambiamenti climatici. Nei prossimi 25 anni, il fabbisogno energetico mondiale crescerà del 30% circa: per contenere le emissioni di gas serra, è indispensabile che la quota energetica proveniente da fonti rinnovabili aumenti sempre di più. Ma il processo di decarbonizzazione può avvenire solo se tutti, privati, aziende e istituzioni, fanno la propria parte.

lifegate-montagnaLa nostra adesione è un gesto semplice, ma in grado di produrre cambiamenti immediati, che diventeranno più significativi via via che altri si uniranno a questa battaglia, dando concretezza a una sensibilità ambientale ormai diffusa e in crescita. I dati del 3° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, realizzato da LifeGate in collaborazione con Eumetra Monterosa, dimostrano infatti che il 59% degli italiani è interessato ai temi “green”. Non solo. In cima alla lista delle priorità ci sono proprio gli investimenti nelle fonti di energia pulita: il 93% degli italiani pensa che investire nel sole e nel vento sia utile per porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili, e per rilanciare l’economia nazionale.
La nostra scelta vuole quindi fare suggerire alle persone attente all’ambiente e alla ricerca di gesti sostenibili un’azione virtuosa di grande efficacia: scegliere energia pulita per la propria casa, infatti, vuole dire risparmiare 1.380 kg di CO2 in un anno, e quindi è di gran lunga l’azione ambientale più importante ed efficace.

Ecoconsigli di LifeGate
  • Attenzione alle pile
    Ci sono alcuni apparecchi, in ufficio, che non possono fare a meno delle pile. Le batterie usa e getta non sono riciclabili in alcun modo. In molti casi finiscono nella spazzatura normale, contaminandola. Meglio utilizzare le batterie ricaricabili, che durano da 500 a 1000 volte di più.
  • Scegli la luce giusta
    Sono molti quelli che amano personalizzare la propria scrivania e illuminarla con una luce diretta. Scegli le lampadine a LED, tecnologia che ha anche vinto il premio Nobel. Così sì risparmierà fino al 90% dell’elettricità. Per questo sarebbero ideali anche per l’illuminazione di tutto l’ufficio.
  • Differenzia
    Secondo il rapporto Fise Unire “L’Italia del riciclo 2014”, in Italia si ricicla il 68% degli imballaggi di plastica, vetro, metallo, carta e cartone. Si può ancora migliorare: basta predisporre, in tutti gli uffici dell’azienda, bidoncini diversi per la raccolta di tutte le frazioni, anche dell’umido.
  • Stampa quando serve
    In ufficio si stampano spesso molti documenti, anche quando se ne potrebbe fare a meno: circa 100 kg di carta a testa! Accertati di stampare solo se è strettamente necessario, meglio se su carta riciclata o ecologica e sempre fronte-retro e in bianco e nero. Consumerai meno energia ed eviterai di generare rifiuti cartacei.
  • Eco appunti
    Per i tuoi appunti e scarabocchi preferisci i fogli stampati solo su un lato che non ti servono più e pinzali insieme: avrai un blocchetto ecologico ed economico. Oppure scegli prodotti di cartoleria certificati Fsc. E per sottolineare meglio le matite fluorescenti: gli evidenziatori hanno solitamente inchiostri tossici e quando finiscono vanno nell’indifferenziato…

lifegate-mondo
LifeGate nel mondo

 

  • Arreda verde
    Una pianta in ufficio mette allegria e migliora la salute. Secondo uno studio NASA, le piante aiutano a neutralizzare l’inquinamento indoor, ossia quello all’interno degli edifici.
  • Occhio all’area “pausa caffè”
    Possiamo comportarci in modo sostenibile anche quando siamo in pausa. Bicchieri, posate e piatti non devono per forza essere di plastica. Meglio materiali come la bioplastica, fabbricata in amido di mais, o comunque compostabili: si gettano nel bidoncino dell’umido e si degradano al 100%.
  • Questione di etichetta
    Un piccolo accorgimento è apporre un’etichetta che dica a che locali corrispondono i vari interruttori dell’ufficio o che ci ricordi di spegnere il monitor del computer. Spegniamo sempre luci e apparecchi elettronici quando non servono.
  • Fai un eco spuntino
    Per la merenda o per il pranzo, preferisci frutta e verdura di stagione, non di serra, meglio se a chilometro zero. E soprattutto… scegli biologico: ogni ettaro bio assorbe 1,5 tonnellate di CO2 all’anno! Puoi metterti d’accordo con i colleghi e formare un piccolo gruppo d’acquisto: potrai risparmiare e scegliere cibo di qualità.
  • Muoviti bene
    Se vai al lavoro in auto e hai un collega che fa il tuo stesso tragitto, fate car pooling, condividendo il mezzo, per risparmiare denaro e CO2 . Oppure puoi utilizzare il servizio di car sharing o bike sharing presente nella tua città, spostarti con i mezzi pubblici. E se abiti vicino all’ufficio, fai una passeggiata! L’ambiente ringrazierà

Ognuno di noi, anche con piccoli accorgimenti, può fare la differenza. Noi abbiamo deciso di iniziare ad aiutare il nostro pianeta così. Voi cosa farete?

...
matera-capitale-cultura-europea-2019

Matera, capitale della cultura europea nel 2019

La città di Matera è la capitale europea della cultura nel 2019, insieme a Plovdiv in Bulgaria. Dopo Genova capitale europea della cultura nel 2004, Matera è la successiva città italiana ad ospitare la manifestazione.

matera-città-2019Candidata nel 2008, Matera è stata designata il 17 ottobre 2014 Capitale europea della cultura per il 2019. È la prima città dell’Italia meridionale a ricevere questo riconoscimento, ottenuto dopo essere entrata in una shortlist che comprendeva altre 5 città italiane (Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna, Siena). Il verdetto è stato comunicato dal presidente della Giuria internazionale di selezione, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini.

Lo slogan scelto da Matera per la sua candidatura è stato “Open Future”. La Fondazione Matera-Basilicata 2019 che gestisce lo sviluppo del dossier di candidatura di Matera capitale europea della cultura per il 2019, vince il premio Melina Merkourī (ideatrice delle capitali europee della cultura), assegnatogli dalla giuria internazionale di selezione europea.

Hanno preso il via tantissimi eventi suddivisi in 48 settimane di kermesse. La cerimonia inaugurale si è svolta il 19 gennaio e noi di Hostess.it eravamo presenti durante questa giornata con hostess e steward, che si sono occupati di distribuzione gadget. matera-hostess-stewardGià dalla mattina la cittadina si è trasformata in un’immensa festa di paese con 54 bande musicali provenienti da tutta la regione e dall’Europa. I duemila musicisti in serata sono arrivati sui Sassi con la loro musica. Il 20 gennaio, invece, ogni banda lucana presente ne ha ospitata una straniera nel proprio comune, per far proseguire la musica.

Matera 2019, però, non sarà solo questo, ma molto di più… come indicano i tanti eventi che si terranno nel corso dell’anno. Il programma presentato vede la cittadina della Basilicata e tutta la regione trasformarsi nel luogo per celebrare la conoscenza e l’arte a trecentosessanta gradi.

 I 5 temi principali del programma di Matera
  • Futuro remoto: una riflessione sul millenario rapporto dell’umanità con lo spazio e le stelle. Ripercorrendo i passi di uno dei residenti più illustri della regione (Pitagora), si esplorerà l’antica bellezza della matematica e si analizzeranno le infinite possibilità del dialogo tra uomo e natura. Il tutto ambientando concerti e percorsi di visita in luoghi di suggestione. matera-2019
  • Continuità e rotture: un’opportunità per affrontare le molteplici forme di vergogna a livello europeo. Dalle diseguaglianze sociali, al risorgere del razzismo, all’incapacità di molti paesi europei di offrire futuro e speranza ai loro giovani, al dramma dell’esodo di disperati in fuga dalle guerre.
  • Riflessioni e connessioni: riscoprire il valore del tempo e della lentezza. Dimostrare che l’arte, la scienza e la pratica diffusa della cittadinanza culturale possono rappresentare in tutta Europa gli elementi catalizzatori di un nuovo modello di comunità.
  • Utopie e distopie: intende testare schemi innovativi che rappresentino una sfida ai preconcetti. Come per esempio che per le città del Sud il turismo sia l’unica strada percorribile per la stabilità economica. Che la tecnologia sia il solo modello di mediazione nelle relazioni. Che la monocultura industriale sia l’unica possibilità di sviluppo. Con giochi e sport urbani e rurali, Matera sarà il terreno dove immaginare alternative possibili.
  • Radici e percorsi: la mobilità è la linfa vitale della regione. Dalla Magna Grecia a Roma, dalla tradizione della transumanza, dall’epoca di Bizantini, Longobardi, Arabi, Svevi, Angioini, la Basilicata è sempre stata spazio di incontro e convergenza.

Il programma inoltre si basa su due progetti pilastro:

  • I-DEA (Istituto Demo-Etno-Antropologico): l’archivio degli archivi, un viaggio attraverso le collezioni della Basilicata.
  • Open Design School: un laboratorio internazionale al servizio della comunità e della scena creativa.
...
pitti-uomo-2019

Pitti Immagine Uomo: quali novità nel 2019?

E’ partita l’edizione 2019 del grande evento di moda. L’edizione numero 95 di Pitti Immagine Uomo si apre nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Durante la cerimonia verrà consegnato il Premio Pitti Immagine alla carriera 2019 al designer Italo Lupi e si svolgerà l’annullo primo giorno di emissione del francobollo dedicato ai 30 anni di Pitti Immagine. Poi ci si sposterà alla Fortezza da Basso per tagliare il nastro della rassegna.

pitti-immagine-uomo-2019

La fiera internazionale dell’abbigliamento maschile più importante del mondo va in scena tra novità interessanti, anniversari ‘lunari’ e svolta digitale.

Ledizione 2019 di Pitti Uomo si è aperta con una pre-serata: una cena di gala a Palazzo Pitti, in cui si fa a gara per chi sarà il più elegante. Nei padiglioni della Fortezza da Basso saranno presenti 1.230 marchi, di cui 542 brand stranieri, ovvero ben il 44%, che esporranno le collezioni dedicate al prossimo inverno. La manifestazione di riferimento a livello globale per il menswear e il lifestyle contemporaneo conta in media 36mila visitatori.

Infine una importantissima novità: il lancio di e-PITTI.com, una piattaforma B2B che permetterà ai buyer certificati di avere accesso a un catalogo di 920 brand e 6000 prodotti già a partire dall’11 gennaio, oltre a editoriali con le tendenze per la prossima stagione e approfondimenti sui marchi. Una svolta digitale fortemente voluta da Pitti Immagine.

pitti-uomo-2019-modelli

Eventi

Vogliamo riportarvi qui alcuni degli eventi ai quali possono partecipare tutti quanti; non è quindi richiesto nessun invito.

Martedì 8/01

H 10.30 Best Company, Archivi3. Performance di breakdance

H 11.30 Aeronautica Militare, Cortile Medici. Ospiti speciali allo stand Alex Ranghieri della Nazionale di beach volley, Marco Lodadio, medaglia di bronzo ai campionati mondiali di ginnastica artistica e una delegazione di piloti del 101° Gruppo di Istrana in tenuta da volo

H 16 Mackage, Area Monumentale, Grotte. Cocktail party e djset di Anfisa Letyago

H 16.30 SSEINSE, Cortile Arsenale. Fashion Aperitif. Dj-set, Sushi & Martini

H 17 Why do we need a fashion revolution?, FOOO, Viale S. Lavagnini 70/72, Firenze. Speech organizzato da FOOO e WRÅD sulla sostenibilità e la nuova responsabilità delle aziende di moda con Matteo Ward, ceo WRÅD. Guest speaker di Rock Experience e Fashion Revolution. Proiezione esclusiva del corto Who Made My Clothes?

H 18 Sergio Tacchini, Montgomery, Via Pellicceria 22., Firenze. Cocktail e djset

Mercoledì 9/01

H 7 Push Hard Pitti Run. Partenza da Piazza Santa Maria Novella, Firenze. Running prima di entrare in fiera

H 10 Slam Jam mostra con Carhartt WIP, Nike e Stussy, Museo Marino Marini. Aperto al pubblico fino al 14 gennaio

H 11.30 U.S.POLO ASSN., Padiglione Cavaniglia, Stand 6. DJ Set con Brina Knauss

H 12 Kejo, Lyceum, Primo Piano, Stand 77-79. Ospite speciale allo stand Christian Vieri

H 16 Moose Knuckles, Spazio Belfiore, Stand 2. MOOSE HOUSE: cocktails and showcase by Machete +333MOB. Performers: Lazza & Dani Faiv. Djs: Slait, Low Kidd & Kanesh

H 18 M o o d R o o m s, The Student Hotel. Moodboard + Room = Mood Rooms. 3 designer fiorentini trasformeranno alcune stanze di TSH declinandole secondo la loro visione creativa. Site-specific happening ore 18:30

H 20 Rendez-Vous with Bruce Pask / Polimoda, Polimoda, Villa Favard, Via Curtatone 1, Firenze. Il Men’s Fashion Director di Bergdorf Goodman e Neiman Marcus Bruce Pask dà il via alla prima guest lecture dell’anno della serie Rendez-Vous. Prenotazioni: www.polimoda.com/rendez-vous-bruce-pask/

Giovedì 10/01

H 11 Diadora It Plays Something Else, Stazione Leopolda. Mostra aperta al pubblico

H 15 Divisibile, Padiglione Cavaniglia, Stand 19. Ospiti speciali allo stand Benji&Fede

H 17 I cinque sensi, Museo di Casa Martelli. Alla scoperta dell’epoca rococò e dei suoi piaceri attraverso i cinque sensi. Ingresso libero (posti limitati)

La sera, Cecilia Rodriguez sarà la madrina per il lancio del famoso marchio di calzature di lusso italiano El Vaquero alla Congrega

Venerdì 11/01

H 10 Guest Lecture Buying and storytelling: the language of fashion in a concept store/Polimoda, Polimoda, Villa Favard. In occasione del Polimoda Open Day, il Menswear and Womenswear Buyer di 10 Corso Como Filippo Leone Maria Biraghi terrà una speciale lezione sul fashion buying. Prenotazioni: www.polimoda.com/it/servizi/welcome/open-day/

H 16 MASCHIO Forum, Palazzo Capponi. Fashion Business Summit su moda maschile e lifestyle e una tavola rotonda sull’eCommerce. In chiusura Networking light dinner e cocktail. Per registrarsi mondomaschio.com

pitti-uomo-2019-gucci-garden

Da non perdere:

Il Gucci Garden, all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia in piazza della Signoria, è sicuramente un passaggio fondamentale. Nuovi interventi murali occupano le zone di passaggio tra i vari piani del Gucci Garden: la storia della creazione di Jayde Fish e le frasi immaginifiche di Coco Capitán cedono il passo a una serie di walls inediti, capaci di coinvolgere il visitatore e di colloquiare con le finestre che si aprono su piazza della Signoria, stabilendo un contatto tra gli spazi di transito del Gucci Garden e lo spazio brulicante della piazza. Inoltre, nella boutique del Gucci Garden, sarà presentata una selezione di oggetti e capi di abbigliamento con le immagini di un’artista che per la prima volta collabora con la Maison.

 

...
vacanze-estate-2019

Vacanze estive 2019: le destinazioni migliori

Ecco a voi la guida alle destinazioni migliori da raggiungere questa estate!

Avete già organizzato le vacanze 2019?
Se state organizzando il vostro grande viaggio, date un’occhiata alle destinazioni più convenienti dell’anno e alle migliori città da raggiungere.

VACANZE ESTATE 2019

Se ancora non sapete dove andare questa estate, abbiamo realizzato una utile guida alle migliori destinazioni per la vacanza perfetta. Se volete coniugare mare, montagna, buona cucina e belle città, senza spendere troppo, vi consigliamo l’Abruzzo.

Tra le mete più interessanti, sempre per chi resta in Italia, c’è Siracusa, una delle città più belle della Sicilia.

vacanze-2019-mare

METE LOW COST

Siete ancora in tempo per scegliere una delle mete economiche per quest’anno di viaggi.
Tra le top destinazioni ci sono Portogallo, Marocco, Debrecen, Nepal e Namibia.

vacanze-2019-lago
  • Alentejo, Portogallo: qui potrete viaggiare on the road attraversando un vasto tratto di costa atlantica lungo la quale vedere spiagge bellissime e paesini assonnati.
  • Sète, Francia: l’arrivo dei festival Worldwide Music Festival a luglio e del Convenanza a settembre hanno reso la città una delle mete privilegiate per gli amanti della musica in Europa.
  • Lago di Bled, Slovenia: se spiaggia e mare non fanno per voi, il Lago di Bled in Slovenia può essere un ottimo punto di partenza per escursioni a piedi o in bicicletta. 
  • Stoupa, Grecia: è una destinazione ancora segreta e poco frequentata
  • Bornholm, Danimarca: l’isola è il luogo più soleggiato della Danimarca ed è famosa per le sue spiagge di sabbia fine. In molti smokehouses potete trovare sgombro e aringhe affumicate. 
  • Hvar, Croazia: è una delle destinazioni preferite per chi cerca belle spiagge e divertimento ma se vi avventurate più a nord dell’isola riuscirete, per fortuna, a trovare spiagge e paesaggi ancora tranquilli e poco affollati.
  • Sozopol, Bulgaria: ancora relativamente sconosciuta, la storica città è una delle località balneari più belle di tutta la Bulgaria.
vacanze-2019-sozopol

Ovviamente questo è solo un piccolo elenco di una moltitudine di posti da poter visitare questa estate, abbiamo cercato di inserire quelli meno comuni, per farvi conoscere anche nuovi posti!

Ora tocca a voi… fate la vostra scelta e buone vacanze!!

...
fuorisalone-2019

Fuorisalone 2019: gli eventi della Milano Design Week

Manca sempre meno alla manifestazione più importante per il mondo dell’arredo e del design. Per cinque giorni le strade della città di Milano verranno animate da magnifiche installazioni e numerosissimi eventi e party in location esclusive come affascinanti cortili nascosti o incredibili terrazze.

Cos’è il Fuorisalone?

Il Fuorisalone è l’insieme degli eventi distribuiti in diverse zone di Milano che avvengono in corrispondenza del Salone Internazionale del Mobile, in scena nei padiglioni di Rho Fiera. Ogni anno, nel mese di Aprile, Fuorisalone e Salone del Mobile definiscono la Milano Design Week, il più importante e prestigioso evento legato al mondo del design su scala internazionale. Sono previsti 400.000 visitatori, addetti ai lavori provenienti da 160 paesi, 1.200 eventi registrati in città, 1.000 aziende presenti in fiera.

Ecco quindi che per festeggiare al meglio il design, le zone protagoniste della città in questi giorni, saranno: il centro, zona Tortona, Isola Design District, Brera Design District, Ventura/Lambrate, la Fabbrica del Vapore e Porta Romana. Vediamo insieme i principali eventi di rilievo nelle principali zone.

Fuorisalone-2019-tortona

Fuorisalone Zona Tortona

Uno dei motori propulsori di questa zona è il Superstudio, da anni qui trovano posto molti espositori con un focus sulla tecnologia e sull’innovazione. Di solito si trovano installazioni di grande impatto, come quella firmata dallo studio Rhizomatiks per Lexus.
A proposito di grandi architetti ci sarà anche Aldo Cibic, che racconterà i suoi progetti che si svilupperà all’interno del Savona 18 Suites, il boutique hotel che ha progettato lui stesso.

Negli anni molti luoghi hanno trovato nuova vita grazie alla vitalità portata tra queste vie durante la settimana del Salone del Mobile, tra questi sicuramente l’ex Ansaldo, sede di BASE Milano che quest’anno ha stretto una collaborazione con Ventura Future che porterà un grande spazio dedicato alle visioni sul mondo che sarà.
E sugli scenari futuri ragiona anche Tortona Rocks, con oltre 20 progetti espositivi internazionali, 60 designer e 50 aziende che immaginano un design in grado di generare consapevolezza.

In tema di innovazione Sony torna allo spazio Zegna per presentare la sua visione sul futuro delle relazione tra uomo e robotica.

Fuorisalone Isola Design District

Isola sceglie il tema Unlimited Design. Il quartiere si propone di andare oltre l’idea di prodotto e la sua funzione, per indagare le nuove forme di comunicazione digitale e le sperimentazioni con i materiali naturali e innovativi.
Cuore della manifestazione la Stecca 3.0 con il Design Village: lo spazio ospiterà i lavori di designer emergenti con materiali di scarto, aziende come 3M con la nuova collezione di finiture per vetri, un bar interamente stampato in 3D e un programma di talk organizzati dalla piattaforma online The District, che andranno a toccare un tema diverso ogni giorno. Nello spazio esterno saranno presentate le loro installazioni verdi ispirate alle macchine di Leonardo nell’anno del 500° anniversario dalla sua scomparsa.

In via Pastrengo 14 torna l’appuntamento con Milan Design Market, la mostra-mercato che per la sua quarta edizione presenta il tema Find the lost City.

fuorisalone-2019-milano

Fuorisalone Brera Design District

“Design Your Life”: quest’anno in Brera i riflettori saranno puntati sulla sostenibilità che verrà affrontata da vari punti di vista.

E sono già 150 gli eventi confermati per ora nel circuito del quartiere. Si va dal “supereroe della sostenibilità” in piazza XXV Aprile progettato per Timberland all’apertura dei nuovi showroom. Tra i tanti appuntamenti, da non perdere Casa Corriere che torna per il secondo anno in sala Buzzati  con gli incontri organizzati da Corriere della Sera, Living e Abitare.

Fuorisalone Ventura Projects

Si sposta quest’anno negli spazi di Base in via Tortona. 
All’interno, ci sarà l’installazione sul tema Un-learn/Re-learn, i workshop di officina Base, il “Design Confession” nella portineria e la programmazione musicale serale. Il biglietto sarà quindi necessario anche per vedere le esposizioni di Ventura Futures. Per la sua seconda edizione, quella che si definisce “la sorella più innovativa di Ventura Centrale” porterà nei 3700 mq a disposizione il lavoro di designer emergenti e studenti che affronteranno temi come la tecnologia, il food design e l’artigianato digitale. Ci saranno progetti a metà tra il craft e il tech come il caricatore wireless in marmo o il progetto Cocina de la Terra della giovane messicana Isabella Sanchez Jacques che inviterà il pubblico a mangiare alcuni piatti tipici del suo paese mentre si ascoltano storie e aneddoti raccontate da lavoratori migranti ma anche l’esperienza olfattiva di SOM Tales of perfume che presenterà un percorso tra 100 pezzi di legno intrisi di fragranze naturali.

...
carnevale-2019

Carnevale guarisce ogni male!

L’arrivo del carnevale è atteso già da dopo la fine delle vacanze natalizie da bambini, adulti e, perchè no, anche anziani. Dopo i mesi no stop di gennaio e febbraio, c’è di nuovo da festeggiare.

La data di questa festività è sempre un grande dilemma. Per questo 2019, però, vediamo di chiarire le cose stabilendo subito su quale giorno cadrà.

Carnevale 2019: quando cade?

Il Carnevale è strettamente legato alla Pasqua. Quest’anno Pasqua sarà il 21 aprile, abbastanza tardi, per cui: giovedì grasso sarà il 28 febbraio, martedì grasso sarà il 5 marzo. Questo è vero per tutta Italia salvo Milano. Nel capoluogo lombardo, infatti, le feste si allungano di qualche giorno con il carnevale ambrosiano, per cui proseguono fino a sabato 9 marzo. carnevale-ambrosiano-2019
Tante le iniziative previste a Milano per l’occasione. In primis il lungo corteo del sabato pomeriggio che culminerà con una sfilata in piazza Duomo. Protagonista assoluta del carnevale ambrosiano è la maschera di Meneghino, un servo che si burla dei difetti dei nobili.

Il carnevale italiano più conosciuto

In Italia ci sono diverse tradizioni riguardo al carnevale che si manifestano in numerosi eventi a cui partecipare. Le più famose, che possono anche fornire la scusa per un weekend fuori porta, sono quelle di Viareggio e Venezia. Il carnevale di Venezia è uno dei più famosi e antichi del mondo ed intratterrà il pubblico dal 23 febbraio al 5 marzo, con la programmazione di circa 50 eventi, dalla festa veneziana sul Rio del Cannaregio alla sfilata in maschera in Piazza San Marco. Per citarne qualcuno nello specifico, ci sarà la Festa Veneziano sull’acqua i giorni 16 e 17 febbraio, dal 23 febbraio al 5 marzo Official Lunatic Dinner Ball ogni sera dalle 21:00, Carnevale di Rialto i giorni 21, 23, 27, 28, 2 e 3.

Carnevale-Venezia-2019
Uno degli eventi più attesi del Carnevale di Venezia è da sempre il Volo dell’Angelo, che si terrà il 24 febbraio 2019. Quest’anno a volare sulla folla è Erika Chia. Tante, inoltre, le sfilate in tutta la città, per una festa che affonda le sue radici nella storia, già all’epoca della Serenissima. L’inizio ufficiale delle celebrazioni è rappresentato dalla Festa Veneziana sull’acqua, in cui Rio di Cannaregio ospita una suggestiva sfilata sulle gondole.

Il coloratissimo carnevale di Viareggio, invece, durerà dal 9 febbraio al 5 marzo. Il 2019 rappresenterà la 146esima edizione sul lungo mare di Viareggio, forse uno dei più belli d’Italia, con gli edifici in stile liberty che si affacciano sulla spiaggia, con carri, maschere e sfilate.

carnevale-viareggio-2019

 

...
festival-di-sanremo-2019

Festival di Sanremo 2019 Teatro Ariston

Torna il Festival di Sanremo, dopo un anno di trepidante attesa. L’edizione 2019 della manifestazione in onore della musica italiana, diretta per il secondo anno consecutivo da Claudio Baglioni, è in programma dal 5 al 9 febbraio. L’evento viene trasmesso in diretta dal teatro Ariston su Rai 1, in prima serata.

Al posto di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, mattatori della scorsa edizione, Claudio Baglioni quest’anno ha voluto accanto sul palco Claudio Bisio e Virginia Raffaele. I due comici, per la prima volta insieme su un palco e in tv, promettono gag inedite e tanto divertimento, senza però rubare la scena alla gara.

festival-sanremo-2019-canzoni

Il Festival di Sanremo, che arriva quest’anno all’edizione numero 69, è di gran lunga l’evento musicale più importante del nostro Paese. Ma è anche uno dei più chiacchierati: milioni e milioni di spettatori rimangono letteralmente incollati davanti agli schermi per godersi le canzoni in gara, discutere sui look di ospiti e conduttori, confrontarsi sulle speranze dei singoli artisti.

Il Festival è sicuramente uno degli appuntamenti annuali più amati dalle famiglie italiane.

Primo record per quest’anno 2019: il Teatro Ariston, al 24 gennaio 2019 è già sold out. A meno di due settimane dalla prima serata, tutti i posti disponibili sono già stati acquistati. L’organizzazione ha deciso, quindi, di non aprire la pagina web dedicata alla prenotazione dei biglietti per le singole serate.

Nella prima serata di martedì 5 febbraio, si esibiranno tutti e 24 i cantanti in gara. Seconda e terza serata, invece, vedranno sul palco solo la metà di loro. I primi 12 cantanti saranno mercoledì 6 febbraio e gli altri 12 giovedì 7 febbraio. La quarta serata, venerdì 8 febbraio, sul modello già collaudato lo scorso anno, sarà una serata-evento. Il programma si chiuderà con questa serata, in cui ogni artista canterà in compagnia di un ospite il proprio brano, in una versione rivisitata per l’occasione.

Baglioni non cambia idea: anche quest’anno non ci saranno eliminazioni. I 24 cantanti in gara si esibiranno fino all’ultima serata, come un vero e proprio concorso, per poi stilare la classifica finale. Il vincitore di Sanremo 2019 viene scelto tramite quattro tipologie di voto: tre giurie (demoscopica, esperti e giornalisti) più il televoto del pubblico.

Trattative ancora aperte per gli ospiti, che anche quest’anno saranno tutti italiani. Tra i nomi svelati finora Andrea Bocelli, che salirà sul palco dell’Ariston insieme al figlio Matteo, Giorgia, Elisa e la coppia Baudo-Rovazzi.  E’ probabile anche l’arrivo del duo comico Pio e Amedeo, non ci sarà invece Paola Cortellesi.

festival-sanremo-2019-musica

I cantanti in gara al Festival

Sono 24 i cantanti in gara, 22 big ai quali si aggiungono i due vincitori di Sanremo Giovani, decretati venerdì 21 dicembre: Einar con “Centomila volte” e Mahmood con “Gioventù bruciata”. Ecco i nomi dei big in gara: Loredana Bertè con “Cosa ti aspetti da me”. Il Volo con “Musica che resta”. Ghemon con “Rose viola”. Paola Turci con “L’ultimo ostacolo”. Simone Cristicchi con “Abbi cura di me”. Nek con “Mi farò trovare pronto”. Motta con “Dov’è l’Italia”. Irama con “La ragazza col cuore di latta”. Ultimo con “I tuoi particolari”. Anna Tatangelo con “Le nostre anime di notte” e Zen Circus con “L’amore è una dittatura”. Nino D’Angelo in coppia con il giovane rapper Livio Cori con “Un’altra luce”. Ex Otago con “Solo una canzone”. Patty Pravo e Briga con “Un po’ come la vita”. Boomdabash con “Per un milione”. Francesco Renga con “Aspetto che torni”. Arisa con “Mi sento bene”. Achille Lauro con “Rolls Royce”. Daniele Silvestri con “Argento vivo”. I Negrita con “I ragazzi stanno bene”. Enrico Nigiotti con “Nonno Hollywood”. Federica Carta e Shade con “Senza farlo apposta” e Mahmood con “Soldi”.

...
B-Heroes-Logo

Startup italiane più innovative con B Heroes

B Heroes è un percorso di accelerazione, rivolto ad aziende ad alto contenuto di innovazione. Offre sostegno formativo, empowerment, accesso a finanziatori e supporto nella promozione e comunicazione. Può partecipare al percorso qualsiasi azienda, anche appena nata, con sede in Italia e tanta voglia di innovare specifici settori di intervento. E’ sì, rivolto a tutti, ma in particolare, a giovani imprenditori. Questo per fornire sostegno finanziario, cultura imprenditoriale e visibilità. Inoltre l’intento è quello di aprire il mondo delle imprese tradizionali alla open innovation, favorendo l’interscambio tra “nuovi” e “vecchi” imprenditori. Con B Heroes, infatti, l’impresa tradizionale e la startup non solo vengono messe in contatto, ma hanno modo di “provare sul campo” se l’idea e la soluzione proposta dalla startup funziona effettivamente. Si tratta di un’accelerazione, che permette di verificare se una startup ha un’idea vincente e soprattutto se l’ha realizzata nel modo giusto.

startup-bheroes-2019Da 650 candidati iniziali si è passati ai 59 pre-finalisti, fino agli ultimi 20 che si giocheranno la fase finale. La seconda edizione del programma, ha acceso i motori con l’evento ospitato tra la sera del 15 e il 16 gennaio nella sede del Sole 24 Ore a Milano. Proprio a questo evento eravamo presenti anche noi di Hostess.it per sostenere l’intera l’organizzazione con hostess per accoglienza, accredito, guardaroba e assistenza in sala. Qui le 59 startup che avevano passato la prima scrematura sono state valutate da un gruppo di mentor, che alla fine hanno selezionato le 20 meritevoli di accedere al programma di accelerazione. Queste avranno accesso ad un percorso di formazione, coaching ed accelerazione della durata di 3 mesi. Durante questo periodo avranno la possibilità di entrare in contatto con mentor di eccellenza e servizi messi a disposizione gratuitamente da partner esclusivi.

La competizione si svolgerà in primavera e sarà documentata e comunicata in un programma televisivo.  Sbarcherà su Sky Uno, in prima serata, con 15 puntate e tre giudici: Silvia Candiani, AD di Microsoft Italia, Dina Ravera già top manager di Tre, e infine Laurent Foata responsabile per l’Italia del fondo di venture capital Adrian Growth.

startup-bheroes-tv-2019

Saranno quattro le categorie di concorso, ognuna delle quali conta cinque finaliste:
  • salute e benessere;
  • sviluppo sostenibile;
  • tradizione e innovazione;
  • ambito trasformazione digitale.

 

Le 20 startup hanno superato sette prove nel corso dell’evento che si è tenuto nella sede del Sole 24 Ore: team, strategia (comprensivo di business plan e finance), marketing plan, crescita e scalabilità, impatto sociale, legale e tecnologia. Sono questi infatti gli argomenti su cui le startup si sono misurate grazie a un pool di esperti selezionatori e hanno dimostrato le buone basi della propria azienda per poter passare la selezione.

Facciamo un grandissimo in bocca al lupo a tutti i partecipanti!

...
guardarobiere-grucce-marche-contromarche

Guardarobiere e guardaroba perfetti? Si può!

Quante volte vi è capitato di candidarvi a lavori da guardarobiere? Quante volte siete riuscite a concludere il lavoro senza intoppi?

Sembra un lavoro molto semplice, non che sia complicato, ma è sicuramente richiesta particolare attenzione!! Non vorrete rischiare di fare confusione e disperdere i soprabiti dei clienti, vero?!

Ecco perché abbiamo pensato di fare una breve guida per spiegarvi i pochi passaggi fondamentali, che non devono mancare.

Innanzitutto è bene portarsi avanti prima dell’arrivo della massa di ospiti. Di solito ci sono 2 varianti in un guardaroba: 1) le marche e contromarche; 2) i numeri già inseriti sulle grucce guardarobiere-numeri a cui corrispondono altrettante placchettine numerate guardarobiere-placchettine, da agganciare alla gruccia.
In che modo, quindi, avvantaggiarsi?

Nel primo caso bisognerà staccare l’intero fogliettino dal blocchetto, composto da marca e contromarca ed inserirlo nel gancio della gruccia, fatelo predisponendo già tutte le grucce sulle relle in ordine numerico prima dell’inizio attività. All’arrivo degli ospiti, siate pronte al bancone già con una gruccia completa in mano e quando vi consegneranno il soprabito potrete staccare uno dei due fogliettini (la contromarca) e consegnarla all’invitato dopo aver sistemato il cappotto sulla gruccia. L’altro fogliettino (la marca), invece, rimarrà sulla gruccia col corrispondente numeretto e giaccone e potrete riporla in ordine progressivo sulle relle. Così facendo il procedimento sarà più veloce, più pratico e soprattutto si avrà più sicurezza che il cliente abbia preso il numero corretto, relativo alla gruccia in cui è posto il suo soprabito.

Nel secondo caso, il procedimento fondamentalmente è lo stesso ma si avranno sulle grucce numerate il numero agganciato, che si dovrà poi consegnare al cliente.

Passo a passo

Cerchiamo di farvi vedere, attraverso delle immagini, quello che vi abbiamo spiegato qui sopra. Sperando che sia il più chiaro possibile.

  1. Marche e contromarche  guardarobiere-marche-contromarche
  2. Marche e contromarche inserite insieme sulla gruccia  
  3. Staccare i due fogliettini: marca sulla gruccia, contromarca al cliente guardarobiere-cliente
Consigli utili
  1. Quando consegnate la contromarca, consigliate al proprietario dell’abito di fotografare il fogliettino. In questo modo, se per caso dovesse perderlo, avrebbe comunque modo di recuperare il suo cappotto
  2. Se non riuscite a trovare il capo d’abbigliamento, chiedete quante più informazioni possibili per aiutarvi a ritrovarlo (es: di che marca, di quale colore, che modello ecc). Una volta che pensate di averlo trovato, domandate se c’è qualcosa nelle tasche che possa accertare che sia di sua proprietà. In questo modo eviterete di consegnare l’abito sbagliato.

Speriamo di esservi stati d’aiuto e che tutti i vostri prossimi lavori da guardarobiere possano essere perfetti!

 

 

 

 

 

 

 

...
milano-fashion-week-2020

Milano Fashion Week primavera estate 2020

La settimana della moda primavera estate 2020 ha inizio oggi 17 settembre e durerà fino al 2.
Ci aspetta un denso programma di sfilate tra i grandi nomi del Made in Italy, mostre ed eventi speciali nelle più svariate boutique. Quest’anno, più che mai, c’è una numerosa presenza di giovani stilisti e marchi nuovi e promettenti.
L’aspetto più rilevante di questa edizione, però, è l’aspetto green della manifestazione. La Milano Fashion Week, infatti, è sempre più aperta al pubblico e sempre più orientata verso una mobilità eco-friendly. Principali obiettivi raggiunti sono stati l’uso intelligente e anti-spreco delle location.

La Milano Fashion Week da non perdere

Milano Moda Donna si inaugura ufficialmente martedì 17 settembre con la sfilata/evento di United Colors of Benetton. Entra nel vivo, però, mercoledì 18 con A new awarness, l’appuntamento dedicato alla sostenibilità diffusa, dalla moda all’arte. Il punto di riferimento della manifestazione meneghina, sarà il Fashion Hub presso lo Spazio Cavallerizze. Ovvero un ambiente plastic free realizzato con arredi riciclati e luci a basso consumo.

Da non perdere poi i Green Carpet Fashion Awards Italia 2019 che celebrano l’impegno del mondo della moda nei confronti dell’ambiente.  Come ha dichiarato il presidente della Camera della Moda Carlo Capasa, in questa edizione sono previste molte sorprese e occasioni speciali. Tra queste, il lancio del pop-up store di Vestiaire Collective, presso la boutique Tearose. Realizzato per promuovere la circolarità nella moda, contrastando il consumo compulsivo nell’industria della moda con la proposta di articoli già prodotti.

milano-fashion-week-2020-versace

Eventi in boutique e aperti in città

Ogni giorno da mercoledì 18 a sabato 21 settembre con due sessioni dalle 10.30 alle 11.00 e dalle 11.00 alle 11.30 presso lo store di & Other Stories di Corso Vittorio Emanuele II si terranno le attività e i workshop sul tema del riciclo in collaborazione con l’Istituto Marangoni di Milano.

Venerdì 20 settembre invece nello store multi-brand Clan Upstair in via Pontaccio viene inaugurata la mostra e la presentazione della collezione “Resilience SS20” di ARA LUMIERE, brand della NGO HOTHUR FOUNDATION di Kulsum Shadab Wahab nato a sostegno di donne indiane vittime di aggressioni con acido.

Sabato 21 settembre, dalle 15 alle 18, ci sarà l’installazione di LABO.ART nella zona pedonale di piazza XXV Aprile in cui il pubblico potrà sfilare liberamente sul red carpet mentre 72 artisti, modelle e performers indosseranno i capi della nuova collezione primavera estate 2020. 

Come sempre durante la Milano Fashion Week la città propone una serie di importanti appuntamenti culturali. Molte infatti le mostre da non perdere come “Abiti da star Rosanna Schiaffino e la Moda a Palazzo Morando” (fino al 29 settembre), “Louis Vuitton Time Capsule Exhibition Milan” a Palazzo Reale (dal 20 settembre al 20 ottobre 2019), “Milano e moda omaggio a Gian Paolo Barbieri” a Palazzo Pirelli (dal 18 al 30 settembre 2019), “Wes Anderson Juman Malouf il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” in scena alla Fondazione Prada (dal 20 settembre 2019 al 13 gennaio 2020) e “1969/2019 Callas mai vista” al Savini Milano in via Ugo Foscolo 5 (dall’11 al 30 settembre). Domenica 22 settembre a Palazzo Mezzanotte in Piazza Affari è il turno della mostra “Suzhou Heritage” dedicata alla millenaria tradizione delle sete di Suzhou (ingresso gratuito dalle 10.00 alle 17.30)

Milano Fashion Week digitale

milano-fashion-week-online

Se non avete un indispensabile invito ai catwalk più esclusivi della stagione non fatevi prendere dal panico! La Fashion Week potrà essere seguita live e in streaming sul sito della Camera Nazionale della Moda Italiana. Oppure anche attraverso Facebook, Twitter e Instagram e sull’app “Camera Moda” oltre al maxi-schermo in Corso Vittorio Emanuele angolo piazza San Babila.

...
vacanze-estate-2019

Vacanze estive 2019: le destinazioni migliori

Ecco a voi la guida alle destinazioni migliori da raggiungere questa estate!

Avete già organizzato le vacanze 2019?
Se state organizzando il vostro grande viaggio, date un’occhiata alle destinazioni più convenienti dell’anno e alle migliori città da raggiungere.

VACANZE ESTATE 2019

Se ancora non sapete dove andare questa estate, abbiamo realizzato una utile guida alle migliori destinazioni per la vacanza perfetta. Se volete coniugare mare, montagna, buona cucina e belle città, senza spendere troppo, vi consigliamo l’Abruzzo.

Tra le mete più interessanti, sempre per chi resta in Italia, c’è Siracusa, una delle città più belle della Sicilia.

vacanze-2019-mare

METE LOW COST

Siete ancora in tempo per scegliere una delle mete economiche per quest’anno di viaggi.
Tra le top destinazioni ci sono Portogallo, Marocco, Debrecen, Nepal e Namibia.

vacanze-2019-lago
  • Alentejo, Portogallo: qui potrete viaggiare on the road attraversando un vasto tratto di costa atlantica lungo la quale vedere spiagge bellissime e paesini assonnati.
  • Sète, Francia: l’arrivo dei festival Worldwide Music Festival a luglio e del Convenanza a settembre hanno reso la città una delle mete privilegiate per gli amanti della musica in Europa.
  • Lago di Bled, Slovenia: se spiaggia e mare non fanno per voi, il Lago di Bled in Slovenia può essere un ottimo punto di partenza per escursioni a piedi o in bicicletta. 
  • Stoupa, Grecia: è una destinazione ancora segreta e poco frequentata
  • Bornholm, Danimarca: l’isola è il luogo più soleggiato della Danimarca ed è famosa per le sue spiagge di sabbia fine. In molti smokehouses potete trovare sgombro e aringhe affumicate. 
  • Hvar, Croazia: è una delle destinazioni preferite per chi cerca belle spiagge e divertimento ma se vi avventurate più a nord dell’isola riuscirete, per fortuna, a trovare spiagge e paesaggi ancora tranquilli e poco affollati.
  • Sozopol, Bulgaria: ancora relativamente sconosciuta, la storica città è una delle località balneari più belle di tutta la Bulgaria.
vacanze-2019-sozopol

Ovviamente questo è solo un piccolo elenco di una moltitudine di posti da poter visitare questa estate, abbiamo cercato di inserire quelli meno comuni, per farvi conoscere anche nuovi posti!

Ora tocca a voi… fate la vostra scelta e buone vacanze!!

...
abbronzatura-perfetta-2019

Abbronzatura: come preparare al meglio la nostra pelle

Abbronzatura perfetta, i segreti da mettere in pratica subito. Innanzitutto un’abbronzatura perfetta si contraddistingue per queste caratteristiche:

  • Durata
  • Pelle idratata, non spellata, non secca
  • Abbronzatura nata gradualmente e non tramite esposizione eccessiva in poco tempo

Il segreto cardine dell’abbronzatura perfetta è infatti saper avere pazienza, prendendo il sole a piccoli passi per evitare di rovinare tutto il nostro lavoro spellando la pelle, rovinandola e nel peggiore dei casi sottoponendola a fastidi e problemi eccessivi.

Ecco un piccolo vademecum di azioni e consigli per abbronzarsi perfettamente. Più avanti parleremo di integratori e cibi consigliati per dare una mano alla tintarella.

Il vademecum

  • Eseguire uno scrub almeno 24 ore prima dell’esposizione, lo stesso vale per la depilazione (di ogni tipo);
  • usare una crema massima protezione e applicarla almeno 30 minuti prima dell’esposizione;
  • non esporsi al sole truccate, con profumi o creme che non siano quelle protettive;
  • evitare gli orari in cui il sole è a picco e i raggi UVA e UVB raggiungono la maggiore intensità, dalle 11 circa fino a dopo pranzo;
  • usate cappelli e proteggete anche capelli e labbra;
  • bevete molta acqua e idratate bene la pelle, applicando la crema protettiva più volte durante la giornata;
  • giratevi ogni 15/20 minuti per favorire un’abbronzatura uniforme;
  • ricordate che anche in acqua non siete a riparo dai raggi solari, perciò calcolate il tempo del bagno fra quello di esposizione per non esagerare;
  • usate un doposole idratante che nutra la pelle permettendo all’abbronzatura di durare più a lungo;
  • scegliere gli alimenti corretti.

Cibo per abbronzatura perfetta

Concentriamoci ora sull’ultimo punto del vademecum e ricordiamoci che l’alimentazione è l’alleata perfetta di una splendida abbronzatura. Vi proponiamo alcuni consigli da seguire per preparare la vostra pelle all’esposizione solare in modo naturale grazie ai cibi giusti.

  • Puntate sugli alimenti ricchi di carotene: carote, pomodori, albicocche, melone, verdure a foglia verde sono tutte verdure che stimolano la sintesi della melanina e preparano la pelle all’abbronzatura.
  • Rivitalizzate naturalmente la pelle: preparatevi ogni mattina una spremuta di limone e acqua minerale. Questo cocktail speciale permetterà di evitare gli arrossamenti e purificherà l’incarnato.
  • Aggiungete al vostro menu vitamine preziose e antiossidanti: la vitamina A si trova nel pesce grasso (salmone, sgombro) mentre la vitamina E in oli vegetali e cereali.

Con un’alimentazione più ricca di vitamine e antiossidanti, la vostra pelle sarà pronta per il sole.
Cosa aspettate a preparavi? Non manca molto alle giornate al mare!

...
fuorisalone-2019

Fuorisalone 2019: gli eventi della Milano Design Week

Manca sempre meno alla manifestazione più importante per il mondo dell’arredo e del design. Per cinque giorni le strade della città di Milano verranno animate da magnifiche installazioni e numerosissimi eventi e party in location esclusive come affascinanti cortili nascosti o incredibili terrazze.

Cos’è il Fuorisalone?

Il Fuorisalone è l’insieme degli eventi distribuiti in diverse zone di Milano che avvengono in corrispondenza del Salone Internazionale del Mobile, in scena nei padiglioni di Rho Fiera. Ogni anno, nel mese di Aprile, Fuorisalone e Salone del Mobile definiscono la Milano Design Week, il più importante e prestigioso evento legato al mondo del design su scala internazionale. Sono previsti 400.000 visitatori, addetti ai lavori provenienti da 160 paesi, 1.200 eventi registrati in città, 1.000 aziende presenti in fiera.

Ecco quindi che per festeggiare al meglio il design, le zone protagoniste della città in questi giorni, saranno: il centro, zona Tortona, Isola Design District, Brera Design District, Ventura/Lambrate, la Fabbrica del Vapore e Porta Romana. Vediamo insieme i principali eventi di rilievo nelle principali zone.

Fuorisalone-2019-tortona

Fuorisalone Zona Tortona

Uno dei motori propulsori di questa zona è il Superstudio, da anni qui trovano posto molti espositori con un focus sulla tecnologia e sull’innovazione. Di solito si trovano installazioni di grande impatto, come quella firmata dallo studio Rhizomatiks per Lexus.
A proposito di grandi architetti ci sarà anche Aldo Cibic, che racconterà i suoi progetti che si svilupperà all’interno del Savona 18 Suites, il boutique hotel che ha progettato lui stesso.

Negli anni molti luoghi hanno trovato nuova vita grazie alla vitalità portata tra queste vie durante la settimana del Salone del Mobile, tra questi sicuramente l’ex Ansaldo, sede di BASE Milano che quest’anno ha stretto una collaborazione con Ventura Future che porterà un grande spazio dedicato alle visioni sul mondo che sarà.
E sugli scenari futuri ragiona anche Tortona Rocks, con oltre 20 progetti espositivi internazionali, 60 designer e 50 aziende che immaginano un design in grado di generare consapevolezza.

In tema di innovazione Sony torna allo spazio Zegna per presentare la sua visione sul futuro delle relazione tra uomo e robotica.

Fuorisalone Isola Design District

Isola sceglie il tema Unlimited Design. Il quartiere si propone di andare oltre l’idea di prodotto e la sua funzione, per indagare le nuove forme di comunicazione digitale e le sperimentazioni con i materiali naturali e innovativi.
Cuore della manifestazione la Stecca 3.0 con il Design Village: lo spazio ospiterà i lavori di designer emergenti con materiali di scarto, aziende come 3M con la nuova collezione di finiture per vetri, un bar interamente stampato in 3D e un programma di talk organizzati dalla piattaforma online The District, che andranno a toccare un tema diverso ogni giorno. Nello spazio esterno saranno presentate le loro installazioni verdi ispirate alle macchine di Leonardo nell’anno del 500° anniversario dalla sua scomparsa.

In via Pastrengo 14 torna l’appuntamento con Milan Design Market, la mostra-mercato che per la sua quarta edizione presenta il tema Find the lost City.

fuorisalone-2019-milano

Fuorisalone Brera Design District

“Design Your Life”: quest’anno in Brera i riflettori saranno puntati sulla sostenibilità che verrà affrontata da vari punti di vista.

E sono già 150 gli eventi confermati per ora nel circuito del quartiere. Si va dal “supereroe della sostenibilità” in piazza XXV Aprile progettato per Timberland all’apertura dei nuovi showroom. Tra i tanti appuntamenti, da non perdere Casa Corriere che torna per il secondo anno in sala Buzzati  con gli incontri organizzati da Corriere della Sera, Living e Abitare.

Fuorisalone Ventura Projects

Si sposta quest’anno negli spazi di Base in via Tortona. 
All’interno, ci sarà l’installazione sul tema Un-learn/Re-learn, i workshop di officina Base, il “Design Confession” nella portineria e la programmazione musicale serale. Il biglietto sarà quindi necessario anche per vedere le esposizioni di Ventura Futures. Per la sua seconda edizione, quella che si definisce “la sorella più innovativa di Ventura Centrale” porterà nei 3700 mq a disposizione il lavoro di designer emergenti e studenti che affronteranno temi come la tecnologia, il food design e l’artigianato digitale. Ci saranno progetti a metà tra il craft e il tech come il caricatore wireless in marmo o il progetto Cocina de la Terra della giovane messicana Isabella Sanchez Jacques che inviterà il pubblico a mangiare alcuni piatti tipici del suo paese mentre si ascoltano storie e aneddoti raccontate da lavoratori migranti ma anche l’esperienza olfattiva di SOM Tales of perfume che presenterà un percorso tra 100 pezzi di legno intrisi di fragranze naturali.

...
salone-mobile-2019-milano

Salone del Mobile 2019: la settimana del design a Milano

E’ sempre più vicino l’attesissimo Salone del Mobile 2019, che trasforma Milano, insieme al Fuorisalonenella capitale di design e arredo casa.

Quest’anno sarà l’edizione numero 58 e come sempre si svolgerà presso il quartiere Fiera Milano a Rho, da martedì 9 a domenica 14 aprile 2019, con apertura al pubblico nelle sole giornate di sabato 13 e domenica 14 aprile.
Contemporaneamente al Salone del Mobile 2019 sono in programma anche le biennali Workplace3.0, ovvero il salone dedicato all’ambiente di lavoro, ed Euroluce, il salone dell’illuminazione. salone-mobile-euroluce-2019

La settimana milanese dedicata all’arredamento, tendenze di design e architettura vedrà protagoniste tecnologia, flessibilità e sostenibilità. Un insieme che guarda, più che mai, al futuro. Si racconteranno le novità e verranno proposti tutti gli eventi da non perdere. Il Salone 2019 punta di nuovo i riflettori sulla centralità di Milano da un lato, e dall’altro sulla capacità creativa e la generosità di spirito della rete industriale.

Inoltre, quest’edizione segna il nascere di un nuovo percorso espositivo trasversale, ovvero il  S.Project. Uno spazio poliedrico le cui caratteristiche sono multisettorialità, sinergia e qualità. Sarà dedicato ai prodotti di design e alle soluzioni decorative e tecniche del progetto d’interni. Sono circa 550, invece, i protagonisti del ventiduesimo SaloneSatellite. Il tema di quest’anno sarà Food as a Design Object. La speranza è che lo slogan possa sollecitare ai giovani creativi provenienti da tutto il mondo, risposte e soluzioni avanguardistiche, idee, progetti e contributi originali.

salone-del-mobile-design-2019

L’edizione di quest’anno sarà caratterizzata anche da un omaggio a Leonardo da Vinci, proprio nel cinquecentenario della sua morte. Al genio e ai suoi studi sull’acqua il Salone del Mobile 2019 dedica l’installazione Aqua: la visione di Leonardo presso la Conca dell’Incoronata, che racconta un piccolo frammento del Rinascimento e del futuro di Milano.

Il Salone ha, inoltre, stretto un accordo triennale con Fondazione Teatro alla Scala. Questo per sottolineare e valorizzare ancora di più il profondo legame con Milano, e nello spirito di una sempre maggiore apertura allo scambio e alla circolazione di idee, cultura e creatività. Per la prima volta, dunque, il Salonesalone-mobile-2019-fiera-milano 2019 si aprirà con un grande concerto!

A rimarcare il ruolo internazionale del Salone, nonché la loro vocazione all’inclusione e all’ospitalità, si rinnova per il sesto anno consecutivo il Progetto Accoglienza. Verranno predisposte postazioni di benvenuto dislocate nei punti nevralgici della città. Qui troverete studenti che forniranno al pubblico indicazioni sulla mobilità in città, sulla fiera stessa e anche sulle iniziative comprese nel palinsesto degli eventi previsti.

Anche quest’anno, il Salone del Mobile si conclude con una grande festa del design, celebrata venerdì 12 aprile a Palazzo Marino. Sarà un’occasione per celebrare l’impegno produttivo e organizzativo delle aziende e di tutti quei designer e personaggi che contribuiscono a rendere Milano il luogo più interessante e attrattivo al mondo in questa settimana.

...
carnevale-2019

Carnevale guarisce ogni male!

L’arrivo del carnevale è atteso già da dopo la fine delle vacanze natalizie da bambini, adulti e, perchè no, anche anziani. Dopo i mesi no stop di gennaio e febbraio, c’è di nuovo da festeggiare.

La data di questa festività è sempre un grande dilemma. Per questo 2019, però, vediamo di chiarire le cose stabilendo subito su quale giorno cadrà.

Carnevale 2019: quando cade?

Il Carnevale è strettamente legato alla Pasqua. Quest’anno Pasqua sarà il 21 aprile, abbastanza tardi, per cui: giovedì grasso sarà il 28 febbraio, martedì grasso sarà il 5 marzo. Questo è vero per tutta Italia salvo Milano. Nel capoluogo lombardo, infatti, le feste si allungano di qualche giorno con il carnevale ambrosiano, per cui proseguono fino a sabato 9 marzo. carnevale-ambrosiano-2019
Tante le iniziative previste a Milano per l’occasione. In primis il lungo corteo del sabato pomeriggio che culminerà con una sfilata in piazza Duomo. Protagonista assoluta del carnevale ambrosiano è la maschera di Meneghino, un servo che si burla dei difetti dei nobili.

Il carnevale italiano più conosciuto

In Italia ci sono diverse tradizioni riguardo al carnevale che si manifestano in numerosi eventi a cui partecipare. Le più famose, che possono anche fornire la scusa per un weekend fuori porta, sono quelle di Viareggio e Venezia. Il carnevale di Venezia è uno dei più famosi e antichi del mondo ed intratterrà il pubblico dal 23 febbraio al 5 marzo, con la programmazione di circa 50 eventi, dalla festa veneziana sul Rio del Cannaregio alla sfilata in maschera in Piazza San Marco. Per citarne qualcuno nello specifico, ci sarà la Festa Veneziano sull’acqua i giorni 16 e 17 febbraio, dal 23 febbraio al 5 marzo Official Lunatic Dinner Ball ogni sera dalle 21:00, Carnevale di Rialto i giorni 21, 23, 27, 28, 2 e 3.

Carnevale-Venezia-2019
Uno degli eventi più attesi del Carnevale di Venezia è da sempre il Volo dell’Angelo, che si terrà il 24 febbraio 2019. Quest’anno a volare sulla folla è Erika Chia. Tante, inoltre, le sfilate in tutta la città, per una festa che affonda le sue radici nella storia, già all’epoca della Serenissima. L’inizio ufficiale delle celebrazioni è rappresentato dalla Festa Veneziana sull’acqua, in cui Rio di Cannaregio ospita una suggestiva sfilata sulle gondole.

Il coloratissimo carnevale di Viareggio, invece, durerà dal 9 febbraio al 5 marzo. Il 2019 rappresenterà la 146esima edizione sul lungo mare di Viareggio, forse uno dei più belli d’Italia, con gli edifici in stile liberty che si affacciano sulla spiaggia, con carri, maschere e sfilate.

carnevale-viareggio-2019

 

...

LifeGate Energy: Hostess.it ha scelto energia 100% rinnovabile

Secondo le stime di LifeGate, per ogni kWh proveniente da centrali idroelettriche, le emissioni di anidride carbonica sono pari a 23.24 grCO2eq. Per rendere il ciclo dell’energia rinnovabile totalmente pulito, LifeGate Energy si avvale del progetto Impatto Zero®: l’anidride carbonica generata dalla filiera produttiva e distributiva della fornitura è stata compensata mediante crediti di carbonio provenienti da progetti di efficienza energetica e da interventi di creazione e tutela di foreste in crescita in Italia e nel mondo.

lifegate-lagoNoi di Hostess.it aggiungiamo il nostro nome a quello delle numerose aziende che hanno sposato la battaglia per le fonti rinnovabili promossa da LifeGate Energy.  La rete aziendale è così alimentata esclusivamente da energia elettrica sostenibile: 100% da fonti rinnovabili (sole, vento e acqua), 100% italiane e certificate, con emissioni di CO2 residue compensate con il progetto Impatto Zero®.
I nostri consumi elettrici, di conseguenza, non sono più un peso sull’ambiente.

Con LifeGate, abbiamo un ruolo attivo come agente di cambiamento nella sfida ambientale più importante della nostra epoca: la transizione energetica dai combustibili fossili verso le rinnovabili. Nel 2016, l’81% di tutta l’energia prodotta nel mondo proveniva da combustibili fossili, i principali responsabili dei cambiamenti climatici. Nei prossimi 25 anni, il fabbisogno energetico mondiale crescerà del 30% circa: per contenere le emissioni di gas serra, è indispensabile che la quota energetica proveniente da fonti rinnovabili aumenti sempre di più. Ma il processo di decarbonizzazione può avvenire solo se tutti, privati, aziende e istituzioni, fanno la propria parte.

lifegate-montagnaLa nostra adesione è un gesto semplice, ma in grado di produrre cambiamenti immediati, che diventeranno più significativi via via che altri si uniranno a questa battaglia, dando concretezza a una sensibilità ambientale ormai diffusa e in crescita. I dati del 3° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, realizzato da LifeGate in collaborazione con Eumetra Monterosa, dimostrano infatti che il 59% degli italiani è interessato ai temi “green”. Non solo. In cima alla lista delle priorità ci sono proprio gli investimenti nelle fonti di energia pulita: il 93% degli italiani pensa che investire nel sole e nel vento sia utile per porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili, e per rilanciare l’economia nazionale.
La nostra scelta vuole quindi fare suggerire alle persone attente all’ambiente e alla ricerca di gesti sostenibili un’azione virtuosa di grande efficacia: scegliere energia pulita per la propria casa, infatti, vuole dire risparmiare 1.380 kg di CO2 in un anno, e quindi è di gran lunga l’azione ambientale più importante ed efficace.

Ecoconsigli di LifeGate
  • Attenzione alle pile
    Ci sono alcuni apparecchi, in ufficio, che non possono fare a meno delle pile. Le batterie usa e getta non sono riciclabili in alcun modo. In molti casi finiscono nella spazzatura normale, contaminandola. Meglio utilizzare le batterie ricaricabili, che durano da 500 a 1000 volte di più.
  • Scegli la luce giusta
    Sono molti quelli che amano personalizzare la propria scrivania e illuminarla con una luce diretta. Scegli le lampadine a LED, tecnologia che ha anche vinto il premio Nobel. Così sì risparmierà fino al 90% dell’elettricità. Per questo sarebbero ideali anche per l’illuminazione di tutto l’ufficio.
  • Differenzia
    Secondo il rapporto Fise Unire “L’Italia del riciclo 2014”, in Italia si ricicla il 68% degli imballaggi di plastica, vetro, metallo, carta e cartone. Si può ancora migliorare: basta predisporre, in tutti gli uffici dell’azienda, bidoncini diversi per la raccolta di tutte le frazioni, anche dell’umido.
  • Stampa quando serve
    In ufficio si stampano spesso molti documenti, anche quando se ne potrebbe fare a meno: circa 100 kg di carta a testa! Accertati di stampare solo se è strettamente necessario, meglio se su carta riciclata o ecologica e sempre fronte-retro e in bianco e nero. Consumerai meno energia ed eviterai di generare rifiuti cartacei.
  • Eco appunti
    Per i tuoi appunti e scarabocchi preferisci i fogli stampati solo su un lato che non ti servono più e pinzali insieme: avrai un blocchetto ecologico ed economico. Oppure scegli prodotti di cartoleria certificati Fsc. E per sottolineare meglio le matite fluorescenti: gli evidenziatori hanno solitamente inchiostri tossici e quando finiscono vanno nell’indifferenziato…

lifegate-mondo
LifeGate nel mondo

 

  • Arreda verde
    Una pianta in ufficio mette allegria e migliora la salute. Secondo uno studio NASA, le piante aiutano a neutralizzare l’inquinamento indoor, ossia quello all’interno degli edifici.
  • Occhio all’area “pausa caffè”
    Possiamo comportarci in modo sostenibile anche quando siamo in pausa. Bicchieri, posate e piatti non devono per forza essere di plastica. Meglio materiali come la bioplastica, fabbricata in amido di mais, o comunque compostabili: si gettano nel bidoncino dell’umido e si degradano al 100%.
  • Questione di etichetta
    Un piccolo accorgimento è apporre un’etichetta che dica a che locali corrispondono i vari interruttori dell’ufficio o che ci ricordi di spegnere il monitor del computer. Spegniamo sempre luci e apparecchi elettronici quando non servono.
  • Fai un eco spuntino
    Per la merenda o per il pranzo, preferisci frutta e verdura di stagione, non di serra, meglio se a chilometro zero. E soprattutto… scegli biologico: ogni ettaro bio assorbe 1,5 tonnellate di CO2 all’anno! Puoi metterti d’accordo con i colleghi e formare un piccolo gruppo d’acquisto: potrai risparmiare e scegliere cibo di qualità.
  • Muoviti bene
    Se vai al lavoro in auto e hai un collega che fa il tuo stesso tragitto, fate car pooling, condividendo il mezzo, per risparmiare denaro e CO2 . Oppure puoi utilizzare il servizio di car sharing o bike sharing presente nella tua città, spostarti con i mezzi pubblici. E se abiti vicino all’ufficio, fai una passeggiata! L’ambiente ringrazierà

Ognuno di noi, anche con piccoli accorgimenti, può fare la differenza. Noi abbiamo deciso di iniziare ad aiutare il nostro pianeta così. Voi cosa farete?

...
festival-di-sanremo-2019

Festival di Sanremo 2019 Teatro Ariston

Torna il Festival di Sanremo, dopo un anno di trepidante attesa. L’edizione 2019 della manifestazione in onore della musica italiana, diretta per il secondo anno consecutivo da Claudio Baglioni, è in programma dal 5 al 9 febbraio. L’evento viene trasmesso in diretta dal teatro Ariston su Rai 1, in prima serata.

Al posto di Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, mattatori della scorsa edizione, Claudio Baglioni quest’anno ha voluto accanto sul palco Claudio Bisio e Virginia Raffaele. I due comici, per la prima volta insieme su un palco e in tv, promettono gag inedite e tanto divertimento, senza però rubare la scena alla gara.

festival-sanremo-2019-canzoni

Il Festival di Sanremo, che arriva quest’anno all’edizione numero 69, è di gran lunga l’evento musicale più importante del nostro Paese. Ma è anche uno dei più chiacchierati: milioni e milioni di spettatori rimangono letteralmente incollati davanti agli schermi per godersi le canzoni in gara, discutere sui look di ospiti e conduttori, confrontarsi sulle speranze dei singoli artisti.

Il Festival è sicuramente uno degli appuntamenti annuali più amati dalle famiglie italiane.

Primo record per quest’anno 2019: il Teatro Ariston, al 24 gennaio 2019 è già sold out. A meno di due settimane dalla prima serata, tutti i posti disponibili sono già stati acquistati. L’organizzazione ha deciso, quindi, di non aprire la pagina web dedicata alla prenotazione dei biglietti per le singole serate.

Nella prima serata di martedì 5 febbraio, si esibiranno tutti e 24 i cantanti in gara. Seconda e terza serata, invece, vedranno sul palco solo la metà di loro. I primi 12 cantanti saranno mercoledì 6 febbraio e gli altri 12 giovedì 7 febbraio. La quarta serata, venerdì 8 febbraio, sul modello già collaudato lo scorso anno, sarà una serata-evento. Il programma si chiuderà con questa serata, in cui ogni artista canterà in compagnia di un ospite il proprio brano, in una versione rivisitata per l’occasione.

Baglioni non cambia idea: anche quest’anno non ci saranno eliminazioni. I 24 cantanti in gara si esibiranno fino all’ultima serata, come un vero e proprio concorso, per poi stilare la classifica finale. Il vincitore di Sanremo 2019 viene scelto tramite quattro tipologie di voto: tre giurie (demoscopica, esperti e giornalisti) più il televoto del pubblico.

Trattative ancora aperte per gli ospiti, che anche quest’anno saranno tutti italiani. Tra i nomi svelati finora Andrea Bocelli, che salirà sul palco dell’Ariston insieme al figlio Matteo, Giorgia, Elisa e la coppia Baudo-Rovazzi.  E’ probabile anche l’arrivo del duo comico Pio e Amedeo, non ci sarà invece Paola Cortellesi.

festival-sanremo-2019-musica

I cantanti in gara al Festival

Sono 24 i cantanti in gara, 22 big ai quali si aggiungono i due vincitori di Sanremo Giovani, decretati venerdì 21 dicembre: Einar con “Centomila volte” e Mahmood con “Gioventù bruciata”. Ecco i nomi dei big in gara: Loredana Bertè con “Cosa ti aspetti da me”. Il Volo con “Musica che resta”. Ghemon con “Rose viola”. Paola Turci con “L’ultimo ostacolo”. Simone Cristicchi con “Abbi cura di me”. Nek con “Mi farò trovare pronto”. Motta con “Dov’è l’Italia”. Irama con “La ragazza col cuore di latta”. Ultimo con “I tuoi particolari”. Anna Tatangelo con “Le nostre anime di notte” e Zen Circus con “L’amore è una dittatura”. Nino D’Angelo in coppia con il giovane rapper Livio Cori con “Un’altra luce”. Ex Otago con “Solo una canzone”. Patty Pravo e Briga con “Un po’ come la vita”. Boomdabash con “Per un milione”. Francesco Renga con “Aspetto che torni”. Arisa con “Mi sento bene”. Achille Lauro con “Rolls Royce”. Daniele Silvestri con “Argento vivo”. I Negrita con “I ragazzi stanno bene”. Enrico Nigiotti con “Nonno Hollywood”. Federica Carta e Shade con “Senza farlo apposta” e Mahmood con “Soldi”.

...
matera-capitale-cultura-europea-2019

Matera, capitale della cultura europea nel 2019

La città di Matera è la capitale europea della cultura nel 2019, insieme a Plovdiv in Bulgaria. Dopo Genova capitale europea della cultura nel 2004, Matera è la successiva città italiana ad ospitare la manifestazione.

matera-città-2019Candidata nel 2008, Matera è stata designata il 17 ottobre 2014 Capitale europea della cultura per il 2019. È la prima città dell’Italia meridionale a ricevere questo riconoscimento, ottenuto dopo essere entrata in una shortlist che comprendeva altre 5 città italiane (Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna, Siena). Il verdetto è stato comunicato dal presidente della Giuria internazionale di selezione, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini.

Lo slogan scelto da Matera per la sua candidatura è stato “Open Future”. La Fondazione Matera-Basilicata 2019 che gestisce lo sviluppo del dossier di candidatura di Matera capitale europea della cultura per il 2019, vince il premio Melina Merkourī (ideatrice delle capitali europee della cultura), assegnatogli dalla giuria internazionale di selezione europea.

Hanno preso il via tantissimi eventi suddivisi in 48 settimane di kermesse. La cerimonia inaugurale si è svolta il 19 gennaio e noi di Hostess.it eravamo presenti durante questa giornata con hostess e steward, che si sono occupati di distribuzione gadget. matera-hostess-stewardGià dalla mattina la cittadina si è trasformata in un’immensa festa di paese con 54 bande musicali provenienti da tutta la regione e dall’Europa. I duemila musicisti in serata sono arrivati sui Sassi con la loro musica. Il 20 gennaio, invece, ogni banda lucana presente ne ha ospitata una straniera nel proprio comune, per far proseguire la musica.

Matera 2019, però, non sarà solo questo, ma molto di più… come indicano i tanti eventi che si terranno nel corso dell’anno. Il programma presentato vede la cittadina della Basilicata e tutta la regione trasformarsi nel luogo per celebrare la conoscenza e l’arte a trecentosessanta gradi.

 I 5 temi principali del programma di Matera
  • Futuro remoto: una riflessione sul millenario rapporto dell’umanità con lo spazio e le stelle. Ripercorrendo i passi di uno dei residenti più illustri della regione (Pitagora), si esplorerà l’antica bellezza della matematica e si analizzeranno le infinite possibilità del dialogo tra uomo e natura. Il tutto ambientando concerti e percorsi di visita in luoghi di suggestione. matera-2019
  • Continuità e rotture: un’opportunità per affrontare le molteplici forme di vergogna a livello europeo. Dalle diseguaglianze sociali, al risorgere del razzismo, all’incapacità di molti paesi europei di offrire futuro e speranza ai loro giovani, al dramma dell’esodo di disperati in fuga dalle guerre.
  • Riflessioni e connessioni: riscoprire il valore del tempo e della lentezza. Dimostrare che l’arte, la scienza e la pratica diffusa della cittadinanza culturale possono rappresentare in tutta Europa gli elementi catalizzatori di un nuovo modello di comunità.
  • Utopie e distopie: intende testare schemi innovativi che rappresentino una sfida ai preconcetti. Come per esempio che per le città del Sud il turismo sia l’unica strada percorribile per la stabilità economica. Che la tecnologia sia il solo modello di mediazione nelle relazioni. Che la monocultura industriale sia l’unica possibilità di sviluppo. Con giochi e sport urbani e rurali, Matera sarà il terreno dove immaginare alternative possibili.
  • Radici e percorsi: la mobilità è la linfa vitale della regione. Dalla Magna Grecia a Roma, dalla tradizione della transumanza, dall’epoca di Bizantini, Longobardi, Arabi, Svevi, Angioini, la Basilicata è sempre stata spazio di incontro e convergenza.

Il programma inoltre si basa su due progetti pilastro:

  • I-DEA (Istituto Demo-Etno-Antropologico): l’archivio degli archivi, un viaggio attraverso le collezioni della Basilicata.
  • Open Design School: un laboratorio internazionale al servizio della comunità e della scena creativa.
...
B-Heroes-Logo

Startup italiane più innovative con B Heroes

B Heroes è un percorso di accelerazione, rivolto ad aziende ad alto contenuto di innovazione. Offre sostegno formativo, empowerment, accesso a finanziatori e supporto nella promozione e comunicazione. Può partecipare al percorso qualsiasi azienda, anche appena nata, con sede in Italia e tanta voglia di innovare specifici settori di intervento. E’ sì, rivolto a tutti, ma in particolare, a giovani imprenditori. Questo per fornire sostegno finanziario, cultura imprenditoriale e visibilità. Inoltre l’intento è quello di aprire il mondo delle imprese tradizionali alla open innovation, favorendo l’interscambio tra “nuovi” e “vecchi” imprenditori. Con B Heroes, infatti, l’impresa tradizionale e la startup non solo vengono messe in contatto, ma hanno modo di “provare sul campo” se l’idea e la soluzione proposta dalla startup funziona effettivamente. Si tratta di un’accelerazione, che permette di verificare se una startup ha un’idea vincente e soprattutto se l’ha realizzata nel modo giusto.

startup-bheroes-2019Da 650 candidati iniziali si è passati ai 59 pre-finalisti, fino agli ultimi 20 che si giocheranno la fase finale. La seconda edizione del programma, ha acceso i motori con l’evento ospitato tra la sera del 15 e il 16 gennaio nella sede del Sole 24 Ore a Milano. Proprio a questo evento eravamo presenti anche noi di Hostess.it per sostenere l’intera l’organizzazione con hostess per accoglienza, accredito, guardaroba e assistenza in sala. Qui le 59 startup che avevano passato la prima scrematura sono state valutate da un gruppo di mentor, che alla fine hanno selezionato le 20 meritevoli di accedere al programma di accelerazione. Queste avranno accesso ad un percorso di formazione, coaching ed accelerazione della durata di 3 mesi. Durante questo periodo avranno la possibilità di entrare in contatto con mentor di eccellenza e servizi messi a disposizione gratuitamente da partner esclusivi.

La competizione si svolgerà in primavera e sarà documentata e comunicata in un programma televisivo.  Sbarcherà su Sky Uno, in prima serata, con 15 puntate e tre giudici: Silvia Candiani, AD di Microsoft Italia, Dina Ravera già top manager di Tre, e infine Laurent Foata responsabile per l’Italia del fondo di venture capital Adrian Growth.

startup-bheroes-tv-2019

Saranno quattro le categorie di concorso, ognuna delle quali conta cinque finaliste:
  • salute e benessere;
  • sviluppo sostenibile;
  • tradizione e innovazione;
  • ambito trasformazione digitale.

 

Le 20 startup hanno superato sette prove nel corso dell’evento che si è tenuto nella sede del Sole 24 Ore: team, strategia (comprensivo di business plan e finance), marketing plan, crescita e scalabilità, impatto sociale, legale e tecnologia. Sono questi infatti gli argomenti su cui le startup si sono misurate grazie a un pool di esperti selezionatori e hanno dimostrato le buone basi della propria azienda per poter passare la selezione.

Facciamo un grandissimo in bocca al lupo a tutti i partecipanti!

...
pitti-uomo-2019

Pitti Immagine Uomo: quali novità nel 2019?

E’ partita l’edizione 2019 del grande evento di moda. L’edizione numero 95 di Pitti Immagine Uomo si apre nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Durante la cerimonia verrà consegnato il Premio Pitti Immagine alla carriera 2019 al designer Italo Lupi e si svolgerà l’annullo primo giorno di emissione del francobollo dedicato ai 30 anni di Pitti Immagine. Poi ci si sposterà alla Fortezza da Basso per tagliare il nastro della rassegna.

pitti-immagine-uomo-2019

La fiera internazionale dell’abbigliamento maschile più importante del mondo va in scena tra novità interessanti, anniversari ‘lunari’ e svolta digitale.

Ledizione 2019 di Pitti Uomo si è aperta con una pre-serata: una cena di gala a Palazzo Pitti, in cui si fa a gara per chi sarà il più elegante. Nei padiglioni della Fortezza da Basso saranno presenti 1.230 marchi, di cui 542 brand stranieri, ovvero ben il 44%, che esporranno le collezioni dedicate al prossimo inverno. La manifestazione di riferimento a livello globale per il menswear e il lifestyle contemporaneo conta in media 36mila visitatori.

Infine una importantissima novità: il lancio di e-PITTI.com, una piattaforma B2B che permetterà ai buyer certificati di avere accesso a un catalogo di 920 brand e 6000 prodotti già a partire dall’11 gennaio, oltre a editoriali con le tendenze per la prossima stagione e approfondimenti sui marchi. Una svolta digitale fortemente voluta da Pitti Immagine.

pitti-uomo-2019-modelli

Eventi

Vogliamo riportarvi qui alcuni degli eventi ai quali possono partecipare tutti quanti; non è quindi richiesto nessun invito.

Martedì 8/01

H 10.30 Best Company, Archivi3. Performance di breakdance

H 11.30 Aeronautica Militare, Cortile Medici. Ospiti speciali allo stand Alex Ranghieri della Nazionale di beach volley, Marco Lodadio, medaglia di bronzo ai campionati mondiali di ginnastica artistica e una delegazione di piloti del 101° Gruppo di Istrana in tenuta da volo

H 16 Mackage, Area Monumentale, Grotte. Cocktail party e djset di Anfisa Letyago

H 16.30 SSEINSE, Cortile Arsenale. Fashion Aperitif. Dj-set, Sushi & Martini

H 17 Why do we need a fashion revolution?, FOOO, Viale S. Lavagnini 70/72, Firenze. Speech organizzato da FOOO e WRÅD sulla sostenibilità e la nuova responsabilità delle aziende di moda con Matteo Ward, ceo WRÅD. Guest speaker di Rock Experience e Fashion Revolution. Proiezione esclusiva del corto Who Made My Clothes?

H 18 Sergio Tacchini, Montgomery, Via Pellicceria 22., Firenze. Cocktail e djset

Mercoledì 9/01

H 7 Push Hard Pitti Run. Partenza da Piazza Santa Maria Novella, Firenze. Running prima di entrare in fiera

H 10 Slam Jam mostra con Carhartt WIP, Nike e Stussy, Museo Marino Marini. Aperto al pubblico fino al 14 gennaio

H 11.30 U.S.POLO ASSN., Padiglione Cavaniglia, Stand 6. DJ Set con Brina Knauss

H 12 Kejo, Lyceum, Primo Piano, Stand 77-79. Ospite speciale allo stand Christian Vieri

H 16 Moose Knuckles, Spazio Belfiore, Stand 2. MOOSE HOUSE: cocktails and showcase by Machete +333MOB. Performers: Lazza & Dani Faiv. Djs: Slait, Low Kidd & Kanesh

H 18 M o o d R o o m s, The Student Hotel. Moodboard + Room = Mood Rooms. 3 designer fiorentini trasformeranno alcune stanze di TSH declinandole secondo la loro visione creativa. Site-specific happening ore 18:30

H 20 Rendez-Vous with Bruce Pask / Polimoda, Polimoda, Villa Favard, Via Curtatone 1, Firenze. Il Men’s Fashion Director di Bergdorf Goodman e Neiman Marcus Bruce Pask dà il via alla prima guest lecture dell’anno della serie Rendez-Vous. Prenotazioni: www.polimoda.com/rendez-vous-bruce-pask/

Giovedì 10/01

H 11 Diadora It Plays Something Else, Stazione Leopolda. Mostra aperta al pubblico

H 15 Divisibile, Padiglione Cavaniglia, Stand 19. Ospiti speciali allo stand Benji&Fede

H 17 I cinque sensi, Museo di Casa Martelli. Alla scoperta dell’epoca rococò e dei suoi piaceri attraverso i cinque sensi. Ingresso libero (posti limitati)

La sera, Cecilia Rodriguez sarà la madrina per il lancio del famoso marchio di calzature di lusso italiano El Vaquero alla Congrega

Venerdì 11/01

H 10 Guest Lecture Buying and storytelling: the language of fashion in a concept store/Polimoda, Polimoda, Villa Favard. In occasione del Polimoda Open Day, il Menswear and Womenswear Buyer di 10 Corso Como Filippo Leone Maria Biraghi terrà una speciale lezione sul fashion buying. Prenotazioni: www.polimoda.com/it/servizi/welcome/open-day/

H 16 MASCHIO Forum, Palazzo Capponi. Fashion Business Summit su moda maschile e lifestyle e una tavola rotonda sull’eCommerce. In chiusura Networking light dinner e cocktail. Per registrarsi mondomaschio.com

pitti-uomo-2019-gucci-garden

Da non perdere:

Il Gucci Garden, all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia in piazza della Signoria, è sicuramente un passaggio fondamentale. Nuovi interventi murali occupano le zone di passaggio tra i vari piani del Gucci Garden: la storia della creazione di Jayde Fish e le frasi immaginifiche di Coco Capitán cedono il passo a una serie di walls inediti, capaci di coinvolgere il visitatore e di colloquiare con le finestre che si aprono su piazza della Signoria, stabilendo un contatto tra gli spazi di transito del Gucci Garden e lo spazio brulicante della piazza. Inoltre, nella boutique del Gucci Garden, sarà presentata una selezione di oggetti e capi di abbigliamento con le immagini di un’artista che per la prima volta collabora con la Maison.

 

...
guardarobiere-grucce-marche-contromarche

Guardarobiere e guardaroba perfetti? Si può!

Quante volte vi è capitato di candidarvi a lavori da guardarobiere? Quante volte siete riuscite a concludere il lavoro senza intoppi?

Sembra un lavoro molto semplice, non che sia complicato, ma è sicuramente richiesta particolare attenzione!! Non vorrete rischiare di fare confusione e disperdere i soprabiti dei clienti, vero?!

Ecco perché abbiamo pensato di fare una breve guida per spiegarvi i pochi passaggi fondamentali, che non devono mancare.

Innanzitutto è bene portarsi avanti prima dell’arrivo della massa di ospiti. Di solito ci sono 2 varianti in un guardaroba: 1) le marche e contromarche; 2) i numeri già inseriti sulle grucce guardarobiere-numeri a cui corrispondono altrettante placchettine numerate guardarobiere-placchettine, da agganciare alla gruccia.
In che modo, quindi, avvantaggiarsi?

Nel primo caso bisognerà staccare l’intero fogliettino dal blocchetto, composto da marca e contromarca ed inserirlo nel gancio della gruccia, fatelo predisponendo già tutte le grucce sulle relle in ordine numerico prima dell’inizio attività. All’arrivo degli ospiti, siate pronte al bancone già con una gruccia completa in mano e quando vi consegneranno il soprabito potrete staccare uno dei due fogliettini (la contromarca) e consegnarla all’invitato dopo aver sistemato il cappotto sulla gruccia. L’altro fogliettino (la marca), invece, rimarrà sulla gruccia col corrispondente numeretto e giaccone e potrete riporla in ordine progressivo sulle relle. Così facendo il procedimento sarà più veloce, più pratico e soprattutto si avrà più sicurezza che il cliente abbia preso il numero corretto, relativo alla gruccia in cui è posto il suo soprabito.

Nel secondo caso, il procedimento fondamentalmente è lo stesso ma si avranno sulle grucce numerate il numero agganciato, che si dovrà poi consegnare al cliente.

Passo a passo

Cerchiamo di farvi vedere, attraverso delle immagini, quello che vi abbiamo spiegato qui sopra. Sperando che sia il più chiaro possibile.

  1. Marche e contromarche  guardarobiere-marche-contromarche
  2. Marche e contromarche inserite insieme sulla gruccia  
  3. Staccare i due fogliettini: marca sulla gruccia, contromarca al cliente guardarobiere-cliente
Consigli utili
  1. Quando consegnate la contromarca, consigliate al proprietario dell’abito di fotografare il fogliettino. In questo modo, se per caso dovesse perderlo, avrebbe comunque modo di recuperare il suo cappotto
  2. Se non riuscite a trovare il capo d’abbigliamento, chiedete quante più informazioni possibili per aiutarvi a ritrovarlo (es: di che marca, di quale colore, che modello ecc). Una volta che pensate di averlo trovato, domandate se c’è qualcosa nelle tasche che possa accertare che sia di sua proprietà. In questo modo eviterete di consegnare l’abito sbagliato.

Speriamo di esservi stati d’aiuto e che tutti i vostri prossimi lavori da guardarobiere possano essere perfetti!

 

 

 

 

 

 

 

...